Italia markets open in 8 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    34.152,01
    +239,61 (+0,71%)
     
  • Nasdaq

    13.102,55
    -25,55 (-0,19%)
     
  • Nikkei 225

    28.868,91
    -2,89 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0175
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    23.482,11
    -364,34 (-1,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    569,15
    -2,76 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    19.830,52
    -210,38 (-1,05%)
     
  • S&P 500

    4.305,20
    +8,06 (+0,19%)
     

Euro Dollaro Tenta di Difendere l’Ultimo Supporto: Cosa Aspettarsi Ora?

Il cambio euro dollaro sta tentando di difendere l’ultima linea di supporto prima della parità, che pare oramai dietro l’angolo.

Il Fiber si ritrova infatti in area di minimi da vent’anni e le possibili mosse delle rispettive banche centrali, Fed e BCE, non potranno influire particolarmente sull’andamento del cross più scambiato del mondo Forex.

Infatti, mentre la Fed ha la possibilità di alzare ulteriormente il costo del denaro e i rendimenti dell’obbligazionario, la BCE pare limitata dal contesto geopolitico e dal grave problema di approvvigionamento energetico, che pesa su tutte le principali economie dell’Eurozona.

La strada per il calo sotto 1.0 pare dunque già tracciata, ma non si possono escludere a priori dei tentativi di rimbalzo.

Il contesto generale degli altri cambi valutari

Al momento della scrittura, oltre all’Euro Dollaro vicinissimo alla parità, si segnala un discreto calo del cambio USD/JPY, verso il livello di 136,7, e una sostanziale stabilità, rispetto alla precedente chiusura, del cambio USD/CAD, ancora a quota 1,3.

In rialzo, invece, GBP/USD e AUD/USD, all’interno di una cornice nel complesso poco volatile grazie all’estrema solidità del dollaro USA.

Cambio euro dollaro: prospettive aggiornate

Le prospettive aggiornate per il cambio euro dollaro vedono ancora come protagonista il livello di parità a 1.0, oramai imminente. In caso di rottura di questo supporto psicologico estremamente rilevante, il collasso della moneta unica potrebbe proseguire almeno fino al target intermedio di 0,98, ai minimi da Dicembre 2002.

Da qui, la strada sarebbe spianata per un ribasso ancor più ampio verso 0,9960 e 0,9930. Cali più ampi sarebbero certamente possibili – molto probabili per la verità – ma appaiono attualmente difficili da ipotizzare nel breve termine.

Al rialzo, invece, un tentativo di recupero del cambio euro dollaro potrebbe coinvolgere le resistenze intermedie di 1,02 e 1,025, mentre un recupero dei livelli successivi tra 1,03 e 1,04 appare già più complesso.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli