Italia markets close in 6 hours 38 minutes
  • FTSE MIB

    25.967,30
    +249,84 (+0,97%)
     
  • Dow Jones

    34.258,32
    +338,48 (+1,00%)
     
  • Nasdaq

    14.896,85
    +150,45 (+1,02%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • Petrolio

    72,38
    +0,15 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    37.462,39
    +1.011,89 (+2,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.105,31
    +64,83 (+6,23%)
     
  • Oro

    1.767,60
    -11,20 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    +0,0036 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.395,64
    +41,45 (+0,95%)
     
  • HANG SENG

    24.510,98
    +289,44 (+1,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.198,45
    +48,26 (+1,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8582
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CHF

    1,0831
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4849
    -0,0079 (-0,53%)
     

Exxon registra utile più elevato da oltre un anno

·1 minuto per la lettura
Logo di Exxon Mobil Corp presso l'Oil and Gas Expo and Conference di Rio de Janeiro,

(Reuters) - Exxon Mobil ha pubblicato i primi risultati trimestrali dopo i duri scontri nel Cda in merito alla direzione dell'azienda e ha registrato l'utile più elevato da oltre un anno grazie alla domanda in ripresa di gas, petrolio e prodotti chimici.

I produttori di petrolio puntano sul raddoppio dei prezzi del greggio dell'ultimo trimestre per ridimensionare i debiti e incrementare i dividendi agli azionisti, invece di impiegare il denaro per incrementare la produzione.

I produttori hanno mantenuto in vigore la politica che prevede significative riduzione dei costi avviata lo scorso anno, quando la pandemia di Covid-19 ha affossato la domanda, tanto da permettere a un aumento dei prezzi di incrementare gli utili.

La produzione di gas e petrolio ha registrato i maggiori guadagni nel trimestre con un utile operativo di 3,19 miliardi di dollari. La produzione è scesa del 2% a 3,6 milioni di barili equivalenti di petrolio al giorno nel corso del trimestre.

L'utile netto dell'azienda per il secondo trimestre ha raggiunto i 4,69 miliardi di dollari, o 1,10 dollari ad azione, a fronte di una flessione di 1,08 miliardi di dollari, o 26 centesimi ad azione, di un anno fa, che includeva per di più un'entrata relativa all'annullamento di una svalutazione di l'inventario, altrimenti la perdita sarebbe stata di 3 miliardi di dollari.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli