Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.452,80
    -358,86 (-1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Ferrari, a Maranello nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile

Il cavallino rampante della Ferrari visto all'esterno della borsa di New York

MILANO (Reuters) - Ferrari ha installato un nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile a ossido solido presso gli stabilimenti di Maranello, ulteriore passo verso l'obiettivo di carbon neutrality entro il 2030, dice una nota.

L'impianto, realizzato da Bloom Energy, fornisce il 5% dell'energia necessaria alle attività produttive di Ferrari, riducendo il consumo di carburante e le emissioni. Rispetto a un sistema di cogenerazione CHP (Combined Heat and Power) equivalente, il fabbisogno di gas si riduce di circa il 20%.

Tra i vantaggi, la flessibilità nella scelta delle fonti energetiche che alimentano l'impianto senza ricorrere alla combustione e la riduzione, rispetto ai sistemi equivalenti utilizzati in precedenza, di oltre il 99% dell'inquinamento che causa la formazione di smog e particolato.

(Claudia Cristoferi, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli