Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.032,99
    +1.943,99 (+4,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Forex, dollaro in calo su scommessa che 'tapering' Usa resti lontano

·1 minuto per la lettura
Una moneta da un euro e una banconota da un dollaro

TOKYO (Reuters) - Il dollaro perde terreno e negli scambi asiatici ha toccato i minimi da quasi otto settimane contro le principali valute, con il mercato che ritiene che il presidente della Fed Jerome Powell eviterà di affrontare il tema del 'tapering' nel meeting al via domani.

"Il dollaro dovrebbe continuare il trend ribassista in linea con il crescente slancio dell'economia mondiale", segnalano in un report gli analisti di Commonwealth Bank of Australia. "Ci aspettiamo che il meeting Fed non influisca sul dollaro. L'economia Usa è lontana dal centrare i 'sostanziali ulteriori progressi' base per la Fed per ridurre gli acquisti di titoli".

Il dollaro scende dello 0,11% a 90,7610 contro un paniere di sei valute.

L'euro perde lo 0,02% contro il biglietto verde dopo il dato sulla fiducia delle imprese tedesche: ad aprile l'indice Ifo si attesta a 96,8, sotto le attese che erano pari a 97,8 e appena sopra il dato di marzo.

Guardando ai mercati emergenti, i trader monitorano la lira turca per vedere se testerà il minimo record a 8,58 per dollaro, visto il peggioramento delle relazioni con gli Usa e i timori su un governatore della banca centrale 'dovish'.

(In redazione Antonella Cinelli, Stefano Bernabei)