Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.221,86
    -5,78 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Forex, dollaro debole, appetito rischio migliora dopo minute Fomc

L'illustrazione mostra le banconote del dollaro statunitense

SINGAPORE (Reuters) - Il dollaro continua a scivolare stamani, mentre gli investitori, incoraggiati dalla prospettiva di un rallentamento del ritmo dei rialzi dei tassi d'interesse da parte della Fed, tornano a puntare sugli asset più rischiosi.

L'atteso resoconto del Fomc dell'1-2 novembre, diffuso nella serata di ieri, ha mostrato che i policymaker sono soddisfatti del ciclo di irrigidimento attuato sinora e ritengono di poter iniziare presto a muoversi a piu' piccoli passi.

"Credo che ora sia quasi certo che il FOMC rallenterà il ritmo di inasprimento a partire da dicembre", osserva Carol Kong, strategist forex di Commonwealth Bank of Australia (CBA).

L'indice del biglietto verde, che misura la sua forza rispetto a sei principali peer, cede lo 0,14% a 105,75, dopo essere calato dell'1% durante la notte.

Secondo Citi, c'è ancora una sostanziale incertezza sul punto di arrivo del ciclo di irrigidimento, nonostante il consenso sul fatto che i tassi saliranno più lentamente.

Lo yen balza dello 0,5% nei confronti del dollaro, mentre l'euro guadagna lo 0,3% intorno a quota $1,0435.

Si apprezza anche la sterlina, con un +0,4% in area 1,2090 dlr, dopo aver messo a segno un +1,4% in nottata a seguito di dati sull'attivita' economica britannica migliori del previsto sebbene in contrazione.

I mercati statunitensi saranno chiusi oggi per il Giorno del Ringraziamento e la liquidità sarà quindi probabilmente più scarsa del solito.

(versione italiana Valentina Consiglio, editing Stefano Bernabei)