Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0859
    -0,0002 (-0,0217%)
     
  • BTC-EUR

    63.859,50
    -797,71 (-1,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.504,50
    +15,96 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Forex, dollaro stabile, focus su tassi e trimestrali Usa

Euro, dollaro di Hong Kong, dollaro statunitense, yen giapponese, sterlina e banconote cinesi da 100 yuan.

NEW YORK/LONDRA (Reuters) - Dopo la volatilità registrata la scorsa settimana, il dollaro è in rialzo contro euro e yen, con i mercati che traggono spunto dai messaggi della Fed su tassi alti ancora a lungo e da una Wall Street più positiva in vista delle trimestrali delle megacap.

Intorno alle 16,10, la coppia dollaro/yen è stabile, in rialzo dello 0,08% in vista della revisione della politica monetaria da parte della Banca del Giappone (BoJ) venerdì, e scambia a 154,74, a un soffio dai minimi di 34 anni registrati la scorsa settimana a 154,79 e abbastanza vicino al livello di 155, che è la soglia monitorata dai trader per un eventuale intervento delle autorità giapponesi.

L'indice del dollaro sale dello 0,14% a 106,31, ma lontano dai massimi di cinque mesi toccati la scorsa settimana dopo le dichiarazioni dei funzionari della Federal Reserve e una serie di dati sull'inflazione più forti del previsto che hanno costretto a ridimensionare le aspettative di taglio dei tassi Usa.

Oltre alla riunione della BoJ e alle trimestrali di megacap come TESLA domani, META mercoledì e MICROSOFT, e ALPHABET giovedì, gli investitori guarderanno ai dati sul Pil Usa del primo trimestre e a quelli sull'inflazione monitorato dalla Fed, l'indice dei prezzi di consumo personale (Pce).

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'euro, che si dirige verso il maggior calo mensile contro il dollaro da gennaio, scende dello 0,2% a 1,0633 dollari, mentre la sterlina perde lo 0,5% a 1,2310 dollari.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Claudia Cristoferi)