Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.363,85
    -1.247,54 (-3,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Germania, raffineria PCK Schwedt riprenderà attività dopo sospensione imprevista

·1 minuto per la lettura
Un operaio cammina nella raffineria PCK a Schwedt/Oder

MOSCA (Reuters) - La raffineria tedesca PCK Schwedt, controllata dalla major russa Rosneft e partecipata da Eni, si prepara a ritornare operativa, dopo l'imprevista sospensione della scorsa settimana.

È quanto comunicato dall'ufficio stampa della raffineria via email.

PCK Schwedt, che ha una capacità di 220.000 barili di petrolio al giorno, ha subito un'imprevista sospensione a causa di un'interruzione di corrente l'8 settembre, in base a quanto riferito dall'ufficio stampa.

"Dovremmo tornare alla normalità entro la fine di questa settimana, anche se ciò dipende da diverse variabili", ha aggiunto.

Il disagio ha causato una minore flusso di petrolio da parte dello stabilimento e le scorte degli Urali russi sono state sospese dall'11 al 14 settembre attraverso la sezione settentrionale dell'oleodotto Druzhba, data la mancanza di capacità extra nei depositi di stoccaggio.

La sospensione del flusso di greggio attraverso l'oleodotto Druzhba ha portato a settembre a un aumento delle esportazioni petrolifere di greggio degli Urali attraverso i porti russi.

Rosneft controlla la raffineria al 54,17%, mentre Eni, detiene una quota dell'8,33%. Entrambe le società non hanno risposto a una richiesta di commento. Royal Dutch Shell, che sta completando la cessione di una quota del 37,5% nella raffineria, non ha commentato.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli