Italia markets close in 7 hours 26 minutes
  • FTSE MIB

    25.393,80
    +42,20 (+0,17%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,39
    +0,13 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    32.441,61
    -1.591,20 (-4,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    936,18
    -24,72 (-2,57%)
     
  • Oro

    1.812,60
    -9,60 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,1882
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.100,30
    -135,50 (-0,52%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.119,56
    +2,94 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0747
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4855
    +0,0013 (+0,08%)
     

Goldman taglia stime Brent trim3 a 75 $ il barile, variante Delta zavorra domanda

·2 minuto per la lettura
Il logo Goldman Sachs presso la Borsa di New York

(Reuters) - Goldman Sachs ha ridotto a 75 dollari il barile le stime per il greggio Brent nel terzo trimestre, un taglio di 5 dollari rispetto alle attese precedenti dovuto all'impatto sulla domanda dell'aumento dei contagi dalla variante Delta di Covid-19.

I prezzi del greggio hanno perso 5 dollari il barile ieri, in risposta ai timori per l'impatto sulla domanda dalle crescenti infezioni dalla variante Delta e dall'accordo Opec+ per stimolare la produzione.

"I nostri bilanci sul greggio sono leggermente inferiori nella seconda metà dell'anno rispetto alle stime precedenti, con un impatto sulla domanda di 1 milione di barili al giorno previsto per due mesi legato al Delta, più che compensato dal più lento aumento della produzione Opec+", si legge in un comunicato Goldman.

La banca ora prevede un deficit nel terzo trimestre pari a 1,5 milioni di barili al giorno, rispetto alla precedente stima di 1,9 milioni di barili al giorno.

Goldman stima una media di 80 dollari per barile per i prezzi del Brent nel quarto trimestre, rispetto alla precedente proiezione di 75 dollari, e prevede un deficit di 1,7 milioni di barili al giorno nell'ultimo trimestre dell'anno.

"La rivalutazione del mercato petrolifero a un equilibrio più alto non è affatto finita, con un impulso rialzista che si sposterà dalla domanda all'offerta", ha aggiunto la banca.

Anche se le vaccinazioni non ridurranno i tassi di ricovero, che potrebbero portare a una protratta contrazione della domanda, il calo sarà compensato dalla minore produzione dell'Opec+ e dell'olio di scisto statunitense, dati i prezzi attuali, secondo Goldman.

"I prezzi del greggio potrebbero continuare ad oscillare fortemente nelle prossime settimane, date le incertezze sulla variante Delta e sulla lentezza degli sviluppi dell'offerta in relazione ai recenti guadagni della domanda", ha aggiunto.

Goldman ha anche notato che i progressi sull'accordo nucleare tra Usa e Iran sono in stallo, con crescenti rischi di un potenziale aumento delle esportazioni iraniane dopo lo scenario base previsto a ottobre.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli