Italia Markets closed

Greggio in calo su norma Usa pro manifestanti HK che alimenta tensioni con Cina

LONDRA/TOKYO (Reuters) - Le quotazioni del greggio calano per il secondo giorno consecutivo dopo che dati hanno mostrato che le scorte Usa di petrolio e benzina sono aumentate e il presidente Donald Trump ha firmato una legge a favore dei manifestanti a Hong Kong, alimentando le tensioni con la Cina.

Intorno alle 11,30 i futures sul Brent perdono 46 centesimi a 63,60 dollari al barile mentre i futures sul greggio Usa West Texas Intermediate crude si deprezzano di 42 centesimi a 57,69 dollari al barile.

La Cina ha avvertito gli Stati Uniti che prenderà delle "contromisure decise" in risposta alla norma pro manifestanti antigovernativi a Hong Kong.

Le scorte di greggio negli Stati Uniti sono aumentate di 1,6 milioni di barili la scorsa settimana con la produzione che è salita a 12,9 milioni di barili al giorno, e le attività di raffinazione sono rallentate, ha riferito l'Energy Information Administration (EIA). Gli analisti in un sondaggio di Reuters avevano previsto un calo di 418.000 barili.

Reuters ha riferito che la Russia potrebbe chiedere all'OPEC+ di escludere il condensato - un tipo di petrolio leggero di alta qualità estratto principalmente durante la produzione di gas - dai numeri sulla produzione di greggio.

Il ministro russo dell'Energia Alexander Novak ha detto oggi che non è stata ancora presa alcuna decisione in merito. "Stiamo discutendo, facendo calcoli".

Negli Stati Uniti, l'azienda di servizi energetici Baker Hughes ha fatto sapere che le società petrolifere del Paese hanno ridotto il numero di impianti di trivellazioni per un periodo record di 12 mesi consecutivi.