Italia markets open in 1 hour 1 minute
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.509,68
    -129,78 (-0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,1853
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    10.772,78
    +1.443,38 (+15,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,09
    +11,20 (+4,57%)
     
  • HANG SENG

    24.787,61
    +33,19 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Greggio in calo su timori aumento produzione

·1 minuto per la lettura
Un giacimento petrolifero in Midland, Texas, 21 agosto 2019
Un giacimento petrolifero in Midland, Texas, 21 agosto 2019

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso, mentre è stato revocato lo stato di forza maggiore nel maggiore giacimento libico e si è concluso lo sciopero dei lavoratori in Norvegia. Nel frattempo i produttori Usa stanno lentamente riavviando la produzione a seguito dell'uragano Delta.

Alle 11,30 i futures sul Brent sono in ribasso di 52 centesimi a 42,33 dollari al barile, mentre i futures sul greggio Usa cedono 57 centesimi, a 40,03 dollari al barile.

Si prevede che la produzione in Libia, Paese membro dell'Opec, aumenterà di 355.000 barili al giorno dopo che ieri è stato revocato lo stato di forza maggiore nel giacimento di Sharara.

L'aumento della produzione in Libia rappresenterà una sfida per l'Opec+ e gli sforzi del gruppo volti a ridurre le forniture a sostegno dei prezzi.

La scorsa settimana i prezzi front-month di entrambi i contratti sono aumentati del 9%, il maggiore rialzo per il Brent da giugno. Ma entrambi i futures erano in calo venerdì dopo che le aziende petrolifere norvegesi hanno raggiunto un accordo con i sindacati, ponendo fine a uno sciopero che minacciava di ridurre la produzione di gas e petrolio nel Paese di circa il 25%.

L'uragano Delta, che ha assestato il colpo maggiore in 15 anni alla produzione di energia nel Golfo del Messico, è stato declassato a ciclone post-tropicale nel weekend.

I prezzi hanno inoltre risentito delle pressioni di un nuovo balzo dei casi di Covid-19 che ha gettato lo spettro di ulteriori lockdown.

Goldman Sachs ha riferito che il risultato delle elezioni Usa non avrà una ricaduta sull'outlook rialzista relativo a petrolio e gas naturali e che un vittoria schiacciante dei Democratici potrebbe rappresentare uno stimolo positivo per tali settori.