Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.681,45
    -37,98 (-0,11%)
     
  • Nasdaq

    15.755,05
    +68,13 (+0,43%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1349
    +0,0077 (+0,68%)
     
  • BTC-EUR

    44.607,36
    -800,44 (-1,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.319,03
    +13,91 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.692,96
    +6,21 (+0,13%)
     

Greggio, futures girano in negativo, investitori soppesano rilascio riserve strategiche

·2 minuto per la lettura
Oleodotti della Strategic Petroleum Reserve a Freeport, in Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio perdono terreno, con gli investitori che continuano a valutare l'impatto dei potenziali rilasci di riserve di greggio da parte delle principali economie in uno sforzo coordinato per abbassare i prezzi dell'energia e domare l'aumento dell'inflazione.

Alle 11,00​ circa, i futures sul Brent scambiano ​​​​​​​​​​in ribasso dell’1,66​%​​​​, o di 1,35 dollari, a 79,89​ dollari al barile. Ieri il contratto è sceso a un minimo di sei settimane sulle ipotesi di rilascio di scorte strategiche, per poi rimbalzare e archiviare la sessione in rialzo dell'1,2%.

Il greggio Usa ​​​​​​​​​​​​perde l’1,29​%​​​​​, o 1,02 dollari, a 77,99​​ dollari al barile, dopo aver oscillato in un intervallo di più di 2 dollari nella sessione precedente prima di chiudere anch'esso in rialzo.

Il contratto Wti di dicembre è in scadenza oggi e la maggior parte dell'attività si è spostata sul future di gennaio, che cede l'1,8% a 76,98 dollari al barile.

Sia il Brent che il Wti sono indirizzati a concludere la quarta settimana in calo.

I governi di alcune delle più grandi economie del mondo stanno cercando di sbloccare petrolio dalle loro riserve petrolifere strategiche (Spr) a seguito della richiesta degli Stati Uniti, di cui Reuters ha scritto per prima, di una mossa coordinata per raffreddare i prezzi.

Le speculazioni su un possibile rilascio delle scorte statunitensi hanno già fatto scendere i prezzi del petrolio di circa dollari 4 al barile nelle ultime settimane e i prezzi già incorporano forniture aggiuntive fino a 100 milioni di barili, sottolineano gli analisti di Goldman Sachs in una nota.

Di conseguenza, aggiungono, qualsiasi rilascio "fornirebbe solo una soluzione a breve termine a un deficit strutturale".

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli