Italia markets close in 6 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    26.621,23
    -440,17 (-1,63%)
     
  • Dow Jones

    34.265,37
    -450,03 (-1,30%)
     
  • Nasdaq

    13.768,92
    -385,08 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    85,25
    +0,11 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    30.507,14
    -1.479,15 (-4,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    792,73
    +550,05 (+226,66%)
     
  • Oro

    1.842,50
    +10,70 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1328
    -0,0027 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    4.397,94
    -84,79 (-1,89%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.167,71
    -61,85 (-1,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8369
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0321
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4268
    -0,0000 (-0,00%)
     

Greggio intorno a 85 dollari il barile su migliori prospettive domanda

·2 minuto per la lettura
Due pompe petrolifere a Vaca Muerta, in Argentina

di Ahmad Ghaddar e Rowena Edwards

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio scambiano poco mossi vicini ai massimi di due mesi, con il Brent intorno a 85 dollari il barile grazie alle aspettative di una forte ripresa economica a sostegno della domanda, anche se i guadagni sono stati limitati dall'aumento delle scorte di greggio e dell'inflazione Usa.

Intorno alle ore 12,05 italiane, i futures sul Brent guadagnano 2 centesimi, o lo 0,02%, a 84,69 dollari il barile.

I futures sul greggio Usa cedono 5 centesimi a 82,59 dollari il barile.

"I principali fattori a sostegno dei prezzi ... sono il sentiment generalmente positivo del mercato, dati i minori timori per Omicron, e le aspettative di uno continuo sviluppo economico dinamico", si legge in una nota Commerzbank.

I prezzi del greggio sono avanzati di oltre il 50% nel 2021 e alcuni analisti prevedono che questo andamento proseguirà nel 2022, stimando che la carente capacità di produzione e gli investimenti limitati potrebbero spingere il greggio a 90 o anche oltre i 100 dollari il barile.

I prezzi sono stati sostenuti dalle basse temperature in Nord America.

I guadagni sono stati limitati dall'aumento delle scorte di carburante statunitensi la scorsa settimana e dall'alta inflazione rilevata nella prima economia a livello mondiale.

I dati Eia hanno mostrato che la domanda di greggio è stata penalizzata da Omicron, con le scorte di benzina in rialzo di 8 milioni di barili nella settimana fino al 7 gennaio, in contrasto con le aspettative degli analisti per un aumento di 2,4 milioni di barili.

In base a dati di ricerca, le scorte Usa dovrebbero aumentare, con i produttori pronti ad accelerare la produzione e ad espandere il completamento dei pozzi nel primo campo di olio di scisto del paese, il Bacino Permian in Texas e New Mexico.

Inoltre, i timori sull'inflazione hanno spinto la Federal Reserve ad accelerare la tabella di marcia per l'aumento dei tassi d'interesse, penalizzando i mercati.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli