Italia markets close in 1 hour 13 minutes
  • FTSE MIB

    24.112,90
    +24,25 (+0,10%)
     
  • Dow Jones

    33.957,97
    +136,67 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    13.787,00
    +0,73 (+0,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,87
    -0,80 (-1,28%)
     
  • BTC-EUR

    46.196,45
    -666,96 (-1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.274,79
    +11,83 (+0,94%)
     
  • Oro

    1.794,70
    +16,30 (+0,92%)
     
  • EUR/USD

    1,2008
    -0,0033 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.142,61
    +7,67 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.979,99
    +39,53 (+1,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8631
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,1036
    +0,0019 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,5023
    -0,0147 (-0,97%)
     

Greggio, prezzi stabili in attesa dati riserve Usa

·1 minuto per la lettura
Serbatoi di petrolio greggio presso l'hub di Cushing

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio rimangono stabili, sostenuti dalle previsioni dell'Ocse sulla ripresa economica e dai tagli alla produzione dell'Opec+, ma tenuti a freno dall'aumento delle scorte di greggio negli Usa.

Alle 11,15 i futures sul Brent cedono 40 centesimi, lo 0,59% a quota 67,12 dollari a barile.

Il greggio Usa scambia in calo di 26 centesimi, lo 0,37%, a quota 63,77 dollari a barile.

Secondo l'interim Economic Outlook pubblicato dall'Ocse, l'economia globale dovrebbe rimbalzare quest'anno, con una crescita del 5,6%, a cui dovrebbe seguire un incremento del 4% nel 2022. La precedente previsione Ocse anticipava un+ 4,2% nel 2021.

I prezzi hanno ricevuto supporto anche dalla decisione dell'Opec+ di mantenere in vigore gran parte dei tagli alla produzione anche ad aprile.

Ad ogni modo, i prezzi rimangono sotto pressione per una serie di fattori, tra cui il fatto che Cina e India, i principali importatori di greggio, attingano alle riserve di petrolio vista la crescita dei prezzi, e le attese di una ripresa delle riserve iraniane.

Negli Usa le riserve di greggio sono cresciute di 12,8 milioni di barili nella settimana passata, secondo fonti che citano i dati dell'American Petroleum Institute. Gli analisti interpellati da Reuters si aspettavano un aumento di circa 800.000 barili.

I dati ufficiali dell'Energy Information Administration (Eia) sono attesi per oggi alle 16,30.

La produzione di greggio Usa dovrebbe comunque diminuire di 160.000 barili al giorno nel 2021, a 11,15 milioni di barili, secondo le stime diffuse ieri dall'Eia, un calo più contenuto rispetto alle precedenti stime di 290.000 barili al giorno in meno.