Italia markets close in 3 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    24.482,84
    +417,79 (+1,74%)
     
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,67
    +0,46 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    28.774,28
    +675,57 (+2,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    679,11
    +26,88 (+4,12%)
     
  • Oro

    1.841,40
    +0,20 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0571
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.701,93
    +61,38 (+1,69%)
     
  • EUR/GBP

    0,8474
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0276
    -0,0017 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,3520
    -0,0048 (-0,36%)
     

Greggio in ribasso su aumento scorte Usa, prese di beneficio

·1 minuto per la lettura
Una petroliera nel porto di Qingdao, nella provincia di Shandong in Cina

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in calo, dopo aver raggiunto i massimi di sette anni questa settimana, dopo un inatteso aumento delle scorte di petrolio e carburante e su prese di profitto.

Alle 11,50 i futures sul Brent cedono 1,28 dollari, o l'1,5%, a 87,10 dollari al barile. Il contratto è arrivato a perdere fino al 3% nel corso della seduta, la flessione più marcata dal 20 dicembre scorso. Ieri il benchmark aveva raggiunto nuovi massimi di 7 anni a 89,50 dollari al barile.

I futures sul greggio Usa sono in calo di 1,32 dollari, o l'1,5%, a 84,23 dollari al barile. Il contratto ha perso fino al 3,2% nella seduta odierna, anche in questo caso il ribasso maggiore dal 20 dicembre, dopo i massimi dall'ottobre 2014 registrati mercoledì.

L'Eia ha reso noto che la scorsa settimana, per la prima volta da novembre, le scorte di greggio negli Usa sono aumentate e le riserve di benzina hanno raggiunto i massimi di 11 mesi, contro le previsioni di settore.

L'agenzia ha inoltre comunicato un lieve calo delle attività delle raffinerie, indicando così una minore richiesta di petrolio.

Di contro, le tensioni in Est Europa e in Medio Oriente contribuiscono ad alimentari i timori di possibili problemi alle forniture.

Ubs prevede che la domanda di greggio raggiungerà nuovi massimi quest'anno e che il Brent si muoverà per il momento in un range tra gli 80 e i 90 dollari al barile.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli