Italia markets close in 1 hour 1 minute
  • FTSE MIB

    26.824,85
    +18,66 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    35.676,90
    +186,21 (+0,52%)
     
  • Nasdaq

    15.370,28
    +134,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    82,30
    -0,36 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    52.495,97
    +1.691,23 (+3,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.474,81
    +55,44 (+3,91%)
     
  • Oro

    1.803,80
    +5,00 (+0,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1680
    +0,0073 (+0,63%)
     
  • S&P 500

    4.584,10
    +32,42 (+0,71%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.222,34
    +1,46 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8461
    +0,0019 (+0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0667
    +0,0019 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4405
    +0,0065 (+0,45%)
     

Greggio vicino a massimi 3 anni su decisione Opec+ di mantenere stretto controllo output

·1 minuto per la lettura
Il logo Opec nei pressi della sede centrale a Vienna, in Austria

LONDRA (Reuters) - I futures sul Brent sono vicini ai massimi di tre anni, mentre il greggio statunitense sfiora i picchi del 2014, dopo che l'Opec+ ha deciso di attenersi al piano di aumento graduale della produzione piuttosto che aprire completamente i rubinetti.

Alle 11,30​ circa, i futures sul Brent scambiano in rialzo dello 0,33​​​​%​​​​​​​​​​​​​​, o di 27 centesimi, a 81,53​ dollari al barile, dopo aver guadagnato ieri il 2,5%. Il greggio Usa guadagna lo 0,15​​​%​​​​​​​​​​​​​​​​​, o 12 centesimi, a 77,74​​ dollari al barile, dopo il +2,3% della sessione precedente.

I prezzi del petrolio sono già aumentati di oltre il 50% quest'anno, un aumento che si è aggiunto alle pressioni inflazionistiche che preoccupano paesi consumatori di greggio come Stati Uniti e India in quanto potenziale ostacolo alla ripresa dalla pandemia.

Nonostante la pressione per aumentare la produzione, l'Opec+ teme che una quarta ondata globale di infezioni da Covid-19 possa colpire la ripresa della domanda, ha detto una fonte a Reuters poco prima del voto dell'organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e dei loro alleati.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak, dopo i colloqui, ha detto di ritenere che il mercato sia ora equilibrato.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli