Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.513,37
    -172,01 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    11.417,64
    +58,71 (+0,52%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1818
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    11.539,37
    +440,02 (+3,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,43
    +9,14 (+3,50%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.394,87
    -6,10 (-0,18%)
     

Paese più piccolo d'Italia elegge sindaco, un candidato e nessun eletto in Puglia

Primo Piano
·2 minuti per la lettura

Nel fine settimana dell’Election Day, tra la larga vittoria del sì al referendum e i successi schiaccianti di alcuni governatori o sindaci in giro per l’Italia non sono mancati i colpi di scena e i paradossi di un voto influenzato dalla pandemia.

E’ il caso di due paesi, ad oltre 900 chilometri di distanza, che hanno fatto la storia di questo weekend di ritorno alle urne. Se da un lato c’è la gioia di Briga Alta, il paese più piccolo d’Italia in provincia di Cuneo, dall’altro c’è quello di Lesina dove l’unico candidato per la poltrona di sindaco... non è riuscito ad ottenerla.

Briga Alta, 133 elettori ed un sindaco

Festeggia Federica Lanteri, candidata con il simbolo dei Tre Campanili che ha battuto largamente il rivale Roberto Campero della lista Stella Alpina. A Briga Alta a far la differenza sono stati appena 18 voti sui 32 espressi. Sì perché il paesino nel Cuneese conta appena 133 elettori e solo 32 si sono recati alle urne nel fine settimana concedendo alla Lanteri la vittoria sul rivale grazie a 22 voti a 4 (6 le schede nulle).

Per Briga Alta, ovviamente, anche un altro primato del weekend: è stato infatti il primo Comune a fornire il risultato ufficiale delle votazioni al Viminale.

VIDEO - Regionali, com’è cambiata l’Italia in 5 anni

Lesina, un candidato ma nessun eletto

Doveva essere solo una formalità per Primiano Leonardo Di Mauro, unico candidato a sindaco nel paese di Lesina, in provincia di Foggia, ma il mancato ottenimento del quorum porterà i cittadini del paese al ritorno alle urne.

Un caso singolare, più unico che raro nel piccolo comune Pugliese che non ha potuto eleggere il primo cittadino per soli 58 voti. Alla competizione elettorale si è presentata una sola lista di centrodestra con un solo candidato alla fascia tricolore, ma affinché la votazione fosse valida , avrebbe dovuto recarsi alle urne il 50% più uno de 5746 elettori. L'affluenza è stata del 49,01%, pertanto si tornerà a votare per il rinnovo del consiglio comunale probabilmente nella prossima primavera.

VIDEO - Gli scenari post referendum