Italia markets open in 1 hour 42 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.316,80
    -101,71 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1758
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    11.274,73
    +4,02 (+0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,31
    -10,38 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    24.580,27
    -128,53 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Il sottosegretario alla Salute Zampa: "Bisogna fermare la Serie A"

Primo Piano
·2 minuti per la lettura
Fans attend the Italian Serie A soccer match between Roma and Juventus at Rome's Olympic stadium, Sunday, Sept. 27, 2020. (AP Photo/Gregorio Borgia)
(AP Photo/Gregorio Borgia)

La positività di 14 tesserati del Genoa, tra giocatori e membri dello staff, ha fatto scattare nuovamente l'allarme Covid in Serie A.

In attesa dei tamponi dei giocatori del Napoli, che domenica scorsa hanno sfidato proprio i rossoblù, è ancora aperto il dibattito sui provvedimenti da prendere in vista della prossima giornata di campionato. Tra le ipotesi ci sono il rinvio di Genoa-Torino (e di Juventus-Napoli, qualora ci fosse un elevato numero di positivi tra i partenopei), lo stop di tutto il campionato e lo svolgimento regolare del terzo turno.

A questo proposito, il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, ha espresso la sua opinione a "The Breakfast Club" su Radio Capital: "Quando c'è un numero di positivi così alto, non si può che fermare il campionato. I positivi non sono in grado di giocare, e possono contagiare altre persone. Il protocollo è stato sottoscritto anche dalla Federazione calcio. E nessuno al momento sta facendo pressioni su di noi".

Quale sia il contenuto esatto del protocollo di cui parla il sottosegretario Zampa non è chiaro. Mentre negli altri campionati europei è stato fissato un limite di giocatori positivi oltre il quale le partite vengono automaticamente rinviate, in Italia questo aspetto non sembra essere stato specificato. Per oggi, infatti, è prevista una riunione straordinaria della Lega Serie A, per prendere una decisione sul prossimo weekend di campionato.

Le problematiche emerse negli ultimi giorni, probabilmente, rallenteranno anche l'apertura al pubblico negli stadi. Se fino a settimana scorsa si vociferava che da ottobre la capienza potesse arrivare fino al 25% dei posti, adesso potrebbe esserci un dietrofront da parte di governo e Figc. "Il comitato tecnico scientifico è radicalmente contrario alla presenza dei tifosi sugli spalti. Su questo si è già espresso", ha detto la sottosegretaria Zampa a Radio Capital.

VIDEO - Gravina e i playoff in Serie A: “Ci lavoro da tempo”