Italia markets open in 2 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.625,05
    -126,55 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    53.280,81
    +2.177,52 (+4,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.376,39
    +82,40 (+6,37%)
     
  • HANG SENG

    28.850,00
    +352,75 (+1,24%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     

Italia, inflazione marzo cresce per terzo mese consecutivo - Istat

·3 minuto per la lettura
Una bandiera italiana sopra al Palazzo del Quirinale a Roma

ROMA (Reuters) - A marzo l'inflazione italiana si conferma in crescita per il terzo mese consecutivo a perimetro annuo, riportandosi ai livelli di maggio 2019.

Secondo i dati provvisori diffusi oggi da Istat, nel mese in esame il Nic ha evidenziato rialzi dello 0,3% su mese e dello 0,8% su anno. Il dato tendenziale è in linea con il consensus Reuters.

A febbraio l'indice aveva segnato rialzi dello 0,1% a livello mensile e dello 0,6% a perimetro annuo.

L'inflazione dunque accelera "e, pur rimanendo al di sotto di un punto percentuale, torna ai livelli di maggio 2019", sottolinea Istat, spiegando che il rialzo tendenziale è determinato prevalentemente dall'inversione di tendenza dei prezzi dei beni energetici non regolamentati, che salgono per la prima volta da febbraio 2020, e in misura minore dall'accelerazione dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti.

L'inflazione "di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici, si portano entrambe a +0,8% da +0,9% di febbraio.

L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +0,9% per l'indice generale e a +0,5% per la componente di fondo.

I prezzi del "carrello della spesa" -- i beni alimentari, per la cura della casa e della persona -- registrano una variazione tendenziale nulla da +0,2%, mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto accelerano da +0,1% a +0,8%.

Passando all'armonizzato Ipca, a marzo l'indice si attesta a +1,8% su mese e a +0,6% su anno, contro attese rispettivamente per +2,2% e +1,1%. Il rialzo congiunturale, spiega l'istituto, è dovuto prevalentemente alla fine dei saldi invernali di abbigliamento e calzature, di cui il Nic non tiene conto.

Il mese prima l'Ipca era sceso dello 0,2% congiunturale con un incremento tendenziale pari all'1%.

Di seguito i dati forniti per l'indice Nic:

MAR FEB GEN

Var mensile 0,3 0,1 0,7

Inflazione a/a 0,8 0,6 0,4

Indice (base 2015=100) 103,7 103,4 103,3

Di seguito i dati forniti per l'indice Ipca:

MAR FEB GEN

Var mensile 1,8 -0,2 -0,9

Inflazione a/a 0,6 1,0 0,7

Indice (base 2015=100) 104,2 102,4 102,6

Di seguito il dettaglio per settore fornito da Istat per il Nic:

SETTORE m/m a/a

Prodotti alimentari 0,1 0,3

Bevande alcoliche e tabacchi 0,0 0,3

Abbigliamento e calzature 0,1 0,5

Abitazione, acqua, eletricità 0,2 -0,1

Mobili, servizi e beni per la casa 0,2 0,7

Servizi sanitari 0,0 0,9

Trasporti 2,0 2,6

Comunicazioni -0,4 -2,7

Ricreazione 0,4 1,2

Istruzione -0,1 -3,7

Servizi ricettivi e ristorazione 0,0 1,2

Altri beni e servizi -0,2 1,1

(Antonella Cinelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)