Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.821,34
    -162,48 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Italia, Ocse più ottimista su crescita 2022, taglia stime su 2023

Bandiera italiana a Palazzo Chigi, a Roma

MILANO (Reuters) - L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

guarda con relativo ottimismo alla performance dell'economia italiana per l'anno che si sta per chiudere, ma vede più nero sul 2023 e scommette su una timida ripresa nel 2024.

Aggiornate dall'Economic Outlook semestrale, nel confronto con le stime 'interim' di fine settembre le previsioni Ocse sulla crescita passano a 3,7% da 3,4% per quest'anno ma si dimezzano a 0,2% da 0,4% per il prossimo.

Nessun conforto nemmeno per le prospettive di inflazione: l'attesa per l'indice armonizzato è di una media annua di 8,1% quest'anno (7,8% la stima di fine settembre) e di 6,5% (da 4,7%) nel 2023, prima di un rallentamento a 3% nel 2024.

In un quadro di minore crescita e inflazione più elevata la dinamica dei conti pubblici delineata dagli economisti Ocse disegna per il deficit/Pil 5,6% quest'anno, 4,7% il prossimo e 3,8% nel 2024.

La traiettoria del debito/Pil, dopo il 150,4% del 2021, è di 146,5% quest'anno, 144,4% il prossimo e 143,3% nel 2024.

L'elevata inflazione dà un aiuto alla riduzione del debito pubblico in rapporto al Pil, aumentando la crescita del Pil nominale, almeno fino a quando i tassi di interesse nominali, che determinano la crescita del debito, rimangono inferiori al tasso di inflazione.

(Alessia Pé, editing Stefano Bernabei)