Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.033,67
    -265,66 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    14.039,68
    -33,17 (-0,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,2005
    -0,0128 (-1,06%)
     
  • BTC-EUR

    32.343,75
    -1.075,38 (-3,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    963,26
    -29,21 (-2,94%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • S&P 500

    4.223,70
    -22,89 (-0,54%)
     

Lusso, crescita Ebitda 2021 più che proporzionale rispetto a ricavi - Altagamma

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Dopo la crisi del 2020, il mercato dei beni personali di lusso crescerà quest'anno del 18%, con un incremento più che proporzionale della redditività del settore.

Le attese del nuovo consensus di Altagamma tra i maggiori analisti internazionali del lusso prevedono infatti un miglioramento del 30% dell'Ebitda 2021 contro il +23% indicato lo scorso novembre.

Il rimbalzo, che comunque non porterà probabilmente al recupero dei livelli pre-pandemici, sarà trainato dai consumi domestici, in particolare quelli cinesi e americani, e dall'esplosione delle vendite online, la cui quota sul totale è stimata per quest'anno al 30% dal 12% del 2019 e dal 23% del 2020.

L'abbigliamento, molto sofferente nell'anno della pandemia e dei lockdown, è visto in forte recupero, guidato da un fenomeno di 'revenge spending' in diversi Paesi; i gioielli tengono, in virtù del loro profilo di bene rifugio; tra gli accessori bene la pelletteria, mentre la cosmetica è spinta dal settore skin care.

"Grazie alla loro reattività e intraprendenza, nell'annus horribilis 2020 le imprese di alta gamma hanno lavorato non solo per contenere i danni, ma anche per costruire da subito le basi della ripresa", ha commentato il presidente di Altagamma Matteo Lunelli, sottolineando che i primi segnali dell'anno sono molto positivi. "Gli investimenti sul digitale e la razionalizzazione dei modelli gestionali e di business stanno portando i loro frutti e, soprattutto per la forte ripresa di Cina e Stati Uniti, le nostre imprese possono già guardare al futuro prossimo con moderato ottimismo".

(Claudia Cristoferi, in redazione Stefano Bernabei)