Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.611,42
    +231,55 (+0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Lvmh, ricavi trim1 tornano a crescere grazie a balzo vendite Louis Vuitton e Dior

·1 minuto per la lettura

PARIGI (Reuters) - Il balzo delle vendite di Louis Vuitton e Dior ha aiutato il gigante francese del lusso Lvmh a mettere a segno una partenza molto solida nel 2021, con i ricavi complessivi che sono tornati a crescere nel primo trimestre malgrado i nuovi lockdown in buona parte d'Europa.

Le vendite omogenee, che eliminano l'effetto dei cambi e l'acquisizione di Tiffany, sono cresciute del 30% nei primi tre mesi dell'anno a 14 miliardi di euro.

La cifra è quasi il doppio del 17% previsto da un consensus di analisti citato da Ubs. Confrontate con i livelli pre-pandemia e il primo trimestre del 2019, le vendite omogenee sono salite dell'8%.

I ricavi erano calati del 16% lo scorso anno a causa della chiusura dei negozi e del congelamento del turismo internazionale dovuto alla pandemia. I clienti del lusso tuttavia hanno cominciato ad acquistare più di frequente online e in alcuni mercati chiave come quello cinese i negozi sono aperti dalla primavera scorsa, portando ad una rapida ripresa.

La divisione moda e pelletteria, che realizza quasi metà dei ricavi di Lvmh, ha registrato un incremento del 52% nelle vendite omogenee, anche in questo caso molto al di sopra delle previsioni degli analisti di una crescita del 27%.

La divisione orologi e gioielleria ha visto crescere le vendite del 138%, includendo acquisizioni e gli effetti del tasso di cambio, beneficiando del consolidamento di Tiffany. Lvmh ha completato l'acquisizione da 15,8 miliardi di dollari dello storico marchio a inizio gennaio dopo un'aspra battaglia legale.

(Tradotto da Luca Fratangelo a Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)