Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.445,12
    -194,67 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.006,06
    -375,26 (-2,44%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    67,83
    +1,33 (+2,00%)
     
  • BTC-EUR

    48.832,00
    -1.346,31 (-2,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.399,86
    -41,90 (-2,91%)
     
  • Oro

    1.777,20
    +14,50 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,1308
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.520,93
    -56,17 (-1,23%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8544
    +0,0050 (+0,59%)
     
  • EUR/CHF

    1,0386
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4507
    +0,0034 (+0,24%)
     

Matteo Martari interpreta Alberto Ferraris in "Cuori"

·1 minuto per la lettura

Per recitare in "Cuori" Matteo Martari non solo ha imparato la routine medica di base, ma anche il savoir-faire degli anni Sessanta.

La fiction di Rai 1 con Pilar Fogliati e Daniele Pecci, ci riporta all'epoca in cui presso il Molinette di Torino fu fondato il primo reparto di cardiochirurgia italiano, e i medici avevano un approccio col paziente piuttosto diverso da quello di oggi.

«Come mi sono preparato al ruolo? Studiando il modo formale in cui alla fine degli anni Sessanta, quando è ambientata la serie, ci si rapportava agli altri: la postura, il linguaggio», racconta Matteo Martari a Donna Moderna.

Sullo schermo l'attore veste i panni di un personaggio dal passato anche molto doloroso.

«È un uomo con delle fratture interne forti e profonde e lo fa per riscatto e anche per passione».

Per trasmettere le linee di forza del suo alter-ego, il 37enne spinge su alcuni punti base.

«Lavoro sempre molto sul corpo, sulla fisicità dei miei personaggi. A volte tutto parte dal cappello o dalle scarpe: con quelle addosso immagino la camminata, il modo di gesticolare… - spiega il veronese -. Un tempo ci si salutava togliendo il cappello, si stava più dritti, la distanza tra le persone era maggiore. È un lavoro che inizia subito, discutendo con il regista, che dà poi indicazioni per i costumi».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli