Italia markets close in 4 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    23.983,28
    +107,20 (+0,45%)
     
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    111,23
    +1,46 (+1,33%)
     
  • BTC-EUR

    27.876,47
    +152,02 (+0,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    660,83
    +5,00 (+0,76%)
     
  • Oro

    1.850,40
    -15,00 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0670
    -0,0068 (-0,63%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.650,27
    +2,71 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8536
    -0,0027 (-0,32%)
     
  • EUR/CHF

    1,0283
    -0,0027 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3708
    -0,0049 (-0,36%)
     

Perché la Ue potrebbe trovare difficile eliminare petrolio russo

Una miniatura di barili di greggio davanti a un grafico

LONDRA (Reuters) - L'Unione Europea ha proposto un embargo graduale del petrolio russo, ma potrebbe essere difficile da implementare, data la complessa rete di distribuzione europea e le difficoltà nel tracciare il greggio una volta che viene miscelato o raffinato.

Il piano, se trova l'accordo degli Stati membri, entrerebbe in vigore tra sei mesi per il greggio e tra otto mesi per il diesel e altri prodotti petroliferi.

QUANTO SARANNO IMPERMEABILI LE SANZIONI DELLA UE?

Secondo la proposta, all'Ungheria e alla Slovacchia verrebbe concesso un periodo più lungo - fino alla fine del 2023 - per adattarsi all'embargo. Questo significa che I paesi della Ue sarebbero ancora in grado di acquistare il petrolio russo attraverso l'Ungheria e la Slovacchia, a meno che il piano non venga ratificato per evitare che entrambi i Paesi acquistino più petrolio del necessario.

IL PETROLIO RUSSO POTRÀ ANCORA ARRIVARE IN EUROPA DOPO UN EMBARGO?

I Paesi europei potrebbero continuare a comprare carichi russi da Paesi terzi senza essere a conoscenza della loro provenienza.

Il petrolio di solito può essere ricondotto alla sua origine in base alla composizione chimica, come il contenuto di zolfo e la densità. Tuttavia, alcuni acquirenti sono stati ingannati in passato da documenti falsi, che occultano l'origine dei carichi provenienti da Paesi sotto sanzioni, compresi Iran e Venezuela, secondo fonti del settore.

Ciò diventa più difficile se il greggio viene miscelato con altri greggi per le raffinerie, e quasi impossibile dopo che viene trasformato in prodotti standard, come benzina, diesel o carburante per aerei.

CHI STA CERCANDO DI ELIMINARE O SOSPENDERE GLI ACQUISTI DI PETROLIO RUSSO?

Almeno 26 grandi raffinatori e società di trading europee hanno sospeso gli acquisti spot o intendono eliminare gradualmente un totale di 2,1 milioni di barili al giorno (bpd) di importazioni russe, secondo JP Morgan.

Le compagnie europee tra cui Shell, TotalEnergies, Repsol e BP non comprano più prodotti raffinati che abbiano componenti russi. E i contratti della BP stabiliscono che qualsiasi accordo con un venditore che viola la sua politica non sarà valido, secondo le informazioni commerciali dettagliate nella Platts trading window.

Diverse compagnie di shipping chiedono anche garanzie che i carichi non abbiano origine o interessi russi, e che non siano stati trasferiti da una nave con legami russi, secondo i documenti visionati da Reuters.

PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE TRACCIARE I CARICHI DI PETROLIO RUSSO?

Anche con tutti questi documenti a disposizione, non c'è garanzia di eliminare qualsiasi traccia di idrocarburi russi una volta che entrano nel principale hub di importazione di petrolio della Ue, il complesso Amsterdam-Rotterdam-Anversa (Ara) - composto da otto porti sparsi in due Paesi, 96 terminali e 6.300 serbatoi di stoccaggio di proprietà di centinaia di compagnie petrolifere internazionali.

"Alcuni prodotti processati nelle raffinerie europee continueranno a contenere petrolio russo", dice Shell. "Allo stesso tempo, molti prodotti come il diesel sono generalmente miscelati - il che significa che una parte dei liquidi mescolati nei tubi e nei serbatoi che alimentano l'intera industria avranno origine in Russia".

Nell'Ara, il petrolio russo miscelato potrebbe comparire nei dati doganali semplicemente come carburante proveniente dai Paesi Bassi, ha detto Cuneyt Kazokoglu, responsabile dell'analisi della domanda di petrolio alla Fge.

"Penso che molti Paesi europei indicheranno che le importazioni provengono dai Paesi Bassi per nascondere l'origine dei prodotti russi", ha detto Kazokoglu.

DOVE VA IL PETROLIO DELL'ARA?

Il carburante può essere imbarcato su un cargo e riesportato in altre regioni e Paesi. Può andare su una chiatta verso altri terminali all'interno dello stesso porto, o proseguire lungo il fiume Reno verso la Svizzera, la Francia e la Germania. In questo modo si può nascondere l'origine del combustibile, hanno detto i trader.

Dall'hub Ara, i prodotti petroliferi possono essere distribuiti attraverso il Central European Pipeline System (Ceps) della Nato, che collega sei porti marittimi e 11 raffinerie in tutto il continente, tre stazioni ferroviarie e 16 stazioni di carico per camion e sei aeroporti internazionali.

"Se non si tratta di un proprietario russo, a parte il certificato di origine - ma anche questo può essere modificato - è difficile per il terminale (di stoccaggio) identificare l'origine dei prodotti", ha detto Krien van Beek, un broker di Odin-Rvb Tank Storage Solutions a Rotterdam.

COSA STANNO FACENDO LE AZIENDE PER MANTENERE LE PROMESSE?

Gli acquirenti stanno richiedendo sempre più spesso ai siti di stoccaggio informazioni sull'origine del petrolio miscelato, hanno detto fonti del settore, per decidere da soli se possono accettarlo. Ma la documentazione di origine completamente tracciabile non è sempre facilmente reperibile in un lasso di tempo ragionevole prima che un acquisto abbia luogo.

Alcune compagnie di shipping consegnano un certificato che specifica dove il carburante è stato prodotto o lavorato. Se da un lato l'autorità doganale di un Paese avrebbe accesso a questi dati per i carichi importati, dall'altro tali documenti sono considerati riservati.

Shell in precedenza definiva russe le merci che avevano il 50% o più del loro contenuto costituito da carburante prodotto in Russia. Ma l'azienda ha recentemente inasprito le restrizioni sull'acquisto di petrolio russo, dicendo che non accetterà più prodotti raffinati con contenuto russo, compresi i carburanti miscelati, secondo le clausole dei suoi contratti commerciali.

Tale restrizione, tuttavia, si applica solo alle piattaforme in cui le aziende sono autorizzate a introdurre le proprie clausole, ed escluderebbe il contratto del gasolio sulla principale borsa Ice, ha detto una fonte a conoscenza della questione.

Altri trader stanno valutando se una miscela di diesel, per esempio, contenente fino al 49% di diesel russo, possa contare come un prodotto non russo, hanno detto a Reuters tre fonti specializzate.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli