Italia Markets close in 1 hr 56 mins

Potenziali Dazi sul Petrolio degli Stati Uniti, Interruzioni delle Forniture in Libia Aggiunge Volatilità al Greggio

James Hyerczyk
Dati misti dal EIA che non fanno esporre più di tanto i trader

Oggi, la massiccia inversione di tendenza in rialzo nel mese di agosto del petrolio greggio WTI è un’ulteriore prova del fatto che i tempi volatili sono in vista. Entrando nella sessione odierna, il mercato era sotto pressione mentre gli investitori continuavano ad aumentare le aspettative per un aumento della produzione dell’OPEC e dei suoi principali partner all’incontro del cartello a Vienna il 22 e 23 giugno.

I prezzi ribassisti hanno guidato il gruppo, portato dai maggiori produttori dell’Arabia Saudita e della Russia, avrebbe aumentato la produzione di almeno 1 milione di barili al giorno. Si ritiene inoltre che questa cifra sia l’importo che gli Stati Uniti hanno chiesto di considerare all’Arabia Saudita.

L’enorme svendita di venerdì e la successiva estensione di oggi hanno indicato che l’aumento della produzione era un affare fatto nonostante ci fossero ancora domande sull’ammontare e sui tempi del rialzo produttivo.

Tuttavia, dal momento della prima sessione di svendita, il mercato si è ripreso ed è negoziato in rialzo per la giornata. Alcuni trader stanno ora dicendo che gli aumenti della produzione incontreranno l’opposizione di Iran, Iraq e Venezuela. Anche se questi tre paesi potrebbero non avere la forza economica per convincere l’Arabia Saudita e la Russia a rinunciare ai loro piani per aumentare la produzione, aumentano la pressione sull’OPEC per creare un fronte unificato.

Mentre l’Arabia Saudita e la Russia hanno brandito il grosso bastone durante l’era del taglio di produzione iniziata a gennaio 2017, sono riusciti a coprire le controversie relative all’accordo. Ora sembra che l’accordo per ridurre la produzione stia iniziando a sbriciolarsi, le crepe stanno iniziando a mostrare che forse l’accordo potrebbe non durare fino alla fine dell’anno ovvero la scadenza.

Oggi, ulteriori fattori che innescano una risposta volatile nel mercato del petrolio greggio sono la possibilità che la Cina possa ulteriormente intensificare la sua guerra commerciale in via di sviluppo con gli Stati Uniti imponendo dazi all’importazione sui prodotti statunitensi, compreso il petrolio greggio. Questo è anche uno sviluppo potenzialmente ribassista perché un’escalation della guerra commerciale potrebbe danneggiare la crescita economica globale che potrebbe avere un impatto sulla domanda.

Oggi, inoltre, la National Oil Corporation (NOC) della Libia ha dichiarato che la capacità di stoccaggio del porto di Ras Lanuf è stata ridotta di 400.000 barili dopo che un secondo serbatoio di petrolio greggio è stato incendiato in mezzo a combattimenti tra le fazioni rivali per il controllo di due principali terminali di esportazione.

Il NOC ha avvertito che l’esplosione al momento al serbatoi n. 2, domenica potrebbe estendersi a tre ulteriori serbatoi, che “arresterebbero completamente le esportazioni dal porto di Ras Lanuf”.

L’attenzione di questa settimana dovrebbe essere interamente dedicata alla riunione dell’OPEC del 22-23 giugno e quanto, e quando inizieranno gli aumenti della produzione, tuttavia, ora sembra che gli investitori ribassisti potrebbero trovarsi in una cavalcata rocciosa con problemi sollevati dai dazi cinesi sul greggio statunitense e potenziali interruzioni dell’approvvigionamento in Libia.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: