Italia markets close in 1 hour 4 minutes
  • FTSE MIB

    24.532,72
    -67,63 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    33.854,28
    +177,01 (+0,53%)
     
  • Nasdaq

    13.995,10
    -1,00 (-0,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    61,50
    +1,32 (+2,19%)
     
  • BTC-EUR

    52.878,84
    -23,80 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.364,31
    -11,47 (-0,83%)
     
  • Oro

    1.736,50
    -11,10 (-0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1957
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.146,51
    +4,92 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,75
    +11,76 (+0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8677
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,1036
    +0,0039 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5003
    +0,0029 (+0,19%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: l’Oro Spinge ancora Verso i 1750 Dollari

Alberto Ferrante
·3 minuto per la lettura

Nel corso della seduta di ieri il petrolio greggio Wti e Brent e il gas naturale sono rimasti abbastanza stabili, mentre l’oro ha continuato a mantenersi lievemente rialzista, senza però approcciare la soglia di resistenza a 1750 dollari l’oncia.

Per queste commodities sono giornate di attesa, in assenza di market movers di forte impatto.

Previsioni sul prezzo dell’Oro

Alle ore 8:45 di oggi, il prezzo dell’oro si trova a quota 1737 dollari l’oncia.

Un movimento dell’oro sotto quota 1670 dollari potrebbe indicare un segnale di ripresa della tendenza ribassista, in grado di riportare il prezzo anche verso la soglia di 1615 dollari l’oncia.

Invece, per invertire definitivamente la tendenza degli scorsi giorni, il raggiungimento dei 1750 dollari (e prima ancora il raggiungimento della primissima soglia di resistenza imminente a 1739 dollari) sarebbe di fondamentale importanza.

Con il prezzo che continua a spingere verso queste soglie di resistenza già da diverse ore, non è escluso che l’oro possa riuscire nell’obiettivo rialzista già nel breve termine, prima di un possibile consolidamento subito sopra i 1750 dollari.

Previsioni sul prezzo del Petrolio e del Gas Naturale

Sia il greggio texano che il Brent hanno mostrato esitazione nella giornata di ieri. Il Wti si è allontanato sensibilmente dalla soglia di 65 dollari al barile e alle ore 8:50 di oggi si trova a 64,72 dollari.

Il Brent è invece rimasto sotto i 67 dollari al barile per gran parte della seduta di ieri, ma un rialzo tardivo ha spinto il prezzo attualmente a quota 68,16 dollari.

Per il greggio la tendenza di medio termine resta comunque rialzista, ma soprattutto con riferimento al Wti occorrerà monitorare eventuali cali sotto la soglia di 63,44 dollari e poi quella di 62,41 dollari che potrebbero indicare una repentina inversione di tendenza. La resistenza più immediata è invece fissata a quota 65 dollari, che come sempre apre le porte a un gap di prezzo tale da accelerare qualsiasi rialzo.

Quanto al gas naturale, la risorsa ha infranto più volte la fascia di supporto a 2,640 dollari senza però innescare un trend ribassista di entità apprezzabile. Vista quindi la forte soglia di supporto, l’ipotesi di un recupero del prezzo appare più verosimile, considerando che stamattina il gas naturale si trova a 2,693 dollari, dunque molto vicino al primo valore chiave di 2,7 dollari.

Per osservare l’inizio di una nuova tendenza rialzista, il prezzo dovrebbe però spingersi ancora più in alto, verso la resistenza principale a 2,893 dollari.

Il Calendario Economico dell’Eurozona

Nella giornata di ieri, il FTSE MIB di Piazza Affari ha chiuso nuovamente in lieve rialzo, del +0,46%, dopo una seduta ancora abbastanza volatile.

Chiusura positiva anche per il DAX30 tedesco (+0,71%) e per il CAC40 di Parigi (+1,11%) mentre l’Ibex-35 di Madrid ha mostrato il rialzo più debole, del +0,34%.

La seconda settimana di Marzo 2021 continua con diversi dati macroeconomici di rilievo. Innanzitutto, dagli Stati Uniti giungeranno gli aggiornamenti settimanali sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, a cui farà seguito la conferenza stampa della BCE, in cui si conosceranno anche le decisioni sui tassi sui depositi e tassi di interesse.

Domani, Venerdì 12 Marzo 2021, è invece il turno del PIL trimestrale del Regno Unito, della sua produzione industriale, produzione manifatturiera e del saldo della bilancia commerciale.

Oltre a questi dati del Regno Unito, si attende anche la produzione industriale dell’Unione Europea.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: