Italia markets close in 48 minutes
  • FTSE MIB

    25.748,70
    +11,95 (+0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.248,17
    -51,16 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.099,45
    +26,59 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,29
    +0,17 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    32.388,41
    -832,66 (-2,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    973,16
    -19,31 (-1,95%)
     
  • Oro

    1.860,60
    +4,20 (+0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.243,99
    -2,60 (-0,06%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.149,41
    +5,89 (+0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8594
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0908
    +0,0016 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4765
    -0,0010 (-0,07%)
     

Prezzi Oro: Volatilità in Diminuzione ma Impostazione Rialzista Ancora Attiva

·2 minuto per la lettura

I prezzi del Future Gold scad.06/21 quotato al Cme-Comex stanno attraversando una seduta poco mossa, con un’oscillazione daily contenuta finora in un range di 12 $ circa tra massimo e minimo di giornata, ben inferiore alla media di 20/23 $ che ha caratterizzato il movimento nell’ultimo mese. La perdita di slancio rialzista per l’oro è evidente anche dal fatto che nelle ultime tre sessioni di contrattazione i prezzi non sono mai fuoriusciti dall’area coperta mercoledì 19 scorso, tanto che i limiti di quella seduta, minimo daily a 1852.2 e massimo daily a 1891.3, sono da considerare attualmente il supporto e la resistenza di breve periodo. Sulla resistenza sono presumibilmente concentrati in questa fase i venditori che si muovono sul breve/brevissimo periodo o in ambito intraday, per cui all’approssimarsi del livello aumentano anche le probabilità che possano scattare delle provvisorie prese di beneficio con ripercussioni fino al test del supporto.

Per il momento non ci sono comunque indicazioni di esaurimento della spinta rialzista che sorregge il mercato dell’oro dai minimi dell’8 e del 31 marzo scorso. Riteniamo che un eventuale arretramento in corso di settimana potrebbe anzi assumere funzioni di consolidamento, costruendo una base di accumulazione su cui andrebbero a poggiare successivamente nuovi rialzi orientati a massimi relativi. Lo scenario che stiamo tuttora seguendo punta al raggiungimento di obiettivi che confermiamo a 1915.5/1917.5 (target principale) e potenzialmente anche fino ad area 1935.5/1941.5. Solo dopo il raggiungimento di questi livelli – almeno il primo – sarà necessario aggiornare approfonditamente lo scenario per le 10-15 sessioni successive, in quanto ci aspettiamo che possano formarsi indicazioni correttive che potrà essere opportuno seguire con posizioni short.

Da un punto di vista operativo, in questa fase vogliamo però evitare di impostare posizioni ribassiste puntando al riavvicinamento dei prezzi ai supporti, in quanto la tendenza dominante per l’oro è tuttora rialzista fino a raggiungimento degli obiettivi già menzionati. Oltre al supporto di quota 1852.2, posto sui minimi di mercoledì 19 scorso, possiamo isolare a 1842/45 il nuovo supporto principale aggiornato. Eventuali arretramenti sono considerare a nostro avviso occasioni di ingresso long, sfruttando un rapporto rischio/beneficio favorevole vista la relativa distanza dei targets rispetto al potenziale stop. In particolare, per chi non è già esposto sarebbe preferibile attendere una discesa almeno a 1858, considerando che lo scenario tecnico verrebbe completamente rivisto solo in presenza di una chiusura daily inferiore a 1842. Nel caso non si sviluppassero arretramenti, attenderemo il superamento consolidato di quota 1891.3 (=massimo di mercoledì 19) per aggiornare la disposizione dei supporti e individuare nuovi livelli di ingresso.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: