I mercati italiani sono chiusi

Prossima sosta per il Ftse Mib

Fabio Pioli
 

Potrebbe mancare poco alla conclusione del movimento rialzista attualmente in corso sul future dell’indice Ftse Mib 40. A giudicare da tre elementi convergenti, infatti, l’area di arrivo delle quotazioni rialziste varia da circa 22.300 a 22.500 punti, non molto distante rispetto ai valori attuali.

Il primo elemento che indica tale eventuale stop alla salita è rappresentato dalla presenza delle linee di trend ribassiste e rialziste che confluiscono proprio in tale area (Figura 1).

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico settimanale.

Il secondo elemento è un portato dell’analisi grafica dei rettangoli. Indubbiamente una figura grafica di tale tipo è stata recentemente violata al rialzo e gli obiettivi di tale rottura sono, per l’appunto, di 1.000 punti verso l’alto: circa 22.500 punti (Figura 2).

Figura 2.  Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

Il terzo elemento a favore della prossimità degli obiettivi attiene all’analisi secondo le onde di Elliott: ci troveremmo in questo peculiare rialzo (che però sembrerebbe un rimbalzo, ovvero, in questa interpretazione, un’onda C) nella fase “finalissima”, ossia onda 5 di 5 (Figura 3).

Figura 3. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

Basteranno questi tre elementi per fare effettivamente salire i prezzi fino a 22.300 – 22.500? Lo vedremo. Noi per il momento ci poniamo come semplici spettatori: l’onda 5 di 5 non è forse il punto migliore per osare un long.

Si potrebbe pensare di “osare” qualcosa in più su Immsi (Milano: IMS.MI - notizie) , ma non a questi prezzi.

La forte resistenza, sia statica che dinamica a 0,51 euro (Figura 4) deve essere superata prima di poter parlare di ulteriori spazi di crescita.

Figura 4. IMMSI    – grafico settimanale.

Long dunque rotto il livello 0,51 per cercare un obiettivo sulle ulteriori resistenze di 0,72 euro (Figura 5).

Figura 5. IMMSI    – grafico mensile.

Ha invece livelli molto prossimi di resistenza alla salita il titolo Tod’s. Probabilmente riprenderebbe il trend ribassista se tale barriera non venisse valicata. In tal caso si presenterebbe un’opportunità di short con entrata sotto i 56,35 euro e stop-loss in area 61 euro.

Figura 6. TOD’S    – grafico settimanale.

 

Autore: Fabio Pioli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online