Italia Markets open in 5 hrs 59 mins

Salvini: "Conte vive male, è ossessionato da me"

Matteo Salvini, Deputy Prime Minister of Italy and Minister of the Interior, guest of the broadcast Porta a Porta. In the background Giuseppe Conte. Rome (Italy), December 3rd, 2019 (photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images)


"Conte è una persona che vive male, è ossessionato da me: lui si alza la mattina e va a dormire pensando a me". Così Matteo Salvini, durante un comizio a Bologna, ha commentato la conferenza stampa di fine anno del premier Giuseppe Conte ("Ritengo che la Lega sia una forza pienamente legittimata a partecipare al gioco democratico - aveva infatti detto Conte - ma quello che mi ha meravigliato è il modo in cui Salvini interpreta la sua leadership, con slabbrature e strappi istituzionali. Questa modalità di interpretare il suo ruolo la ritengo insidiosa").


GUARDA IL VIDEO: Chi è Matteo Salvini


"Salta un ministro e se ne inventano altri due"

Il leader del Carroccio è apparso inoltre scettico di fronte alla convinzione del premier di avere davanti "una maratona governativa di 3 anni": "Maratona? Conte non arriva neanche al primo chilometro. L'ostacolo sarà la realtà. Anzi - ha aggiunto, commentando la nomina dei due nuovi ministri dell'Istruzione - io conto che il governo vada a casa al di là delle sconfitte in Emilia-Romagna e in Calabria. Guardiamo la tragicommedia delle ultime ore, per esempio: salta un ministro e se ne inventano altri due, di cui uno indagato".


"Regionali: in Emilia-Romagna sarò in cento piazze"

Salvini ha poi parlato del suo impegno verso il voto regionale in Emilia-Romagna del prossimo 26 gennaio: "Nelle prossime settimane sarò in almeno 100 piazze ad ascoltare, raccogliere suggerimenti, proposte, dalla mattina alla sera. E il 18 gennaio saremo a Maranello per un'Emilia che corre e che inventa. L'unico rosso che ci piace, insieme al Lambrusco, è quello della Ferrari".

"Sarò almeno due volte in ogni provincia - ha aggiunto - e saranno 28 giorni entusiasmanti perché il 26 gennaio sarà un passaggio storico, una data che rimane, che porterà speranza, affinché non si ripetano più casi come quello di Bibbiano, che è un marchio d'infamia. Il buongoverno della Lega sarà messo alla prova dei fatti".


GUARDA IL VIDEO: Chi è Giuseppe Conte