Italia Markets closed

SIX ed Euronext vogliono la Borsa di Madrid. BME +34%

Fabio Carbone

Si era “sparsa” la voce che Euronext volesse comprare anche la Borsa di Madrid, dopo il recente acquisto della Borsa di Oslo, e così SIX, che gestisce la Borsa di Zurigo, è uscita allo scoperto lanciando la sua OPA sulla Bolsa y Mercados Españoles (Bme) da 3 miliardi di franchi svizzeri (2,8 miliardi di euro).

L’offerta di Six è considerata amichevole da parte di Bme, infatti, la società svizzera ha valutato in 34 euro ad azione il prezzo di Bme.

Tanto è bastato ai mercati per far volare del +34% il valore delle azioni Bme in Borsa. Gli investitori scommettono che ora Euronext rilancerà con una Opa migliorativa per aggiudicarsi la Borsa madrilena.

Euronext, infatti, detiene già la Borsa di Parigi, di Bruxelles, di Amsterdam, di Lisbona, di Dublino e di Oslo. Aggiungendo la Borsa di Madrid diverrebbe un colosso europeo controllando alcune delle maggiori piazze affari d’Europa.

Six e l’Opa su Bme per far nascere il terzo fornitore europeo

Se la Opa di Six su Bme dovesse andare in porto, nascerebbe il terzo fornitore di infrastrutture di mercati finanziari d’Europa.

Attualmente Six Group AG, è l’operatore dell’infrastruttura dei mercati finanziari svizzeri e non possiede altre Borse. Bme è l’operatore della Borsa di Madrid, Valenzia, Barcellona e Bilbao.

Six, come scrive nel comunicato stampa, è convinta che la proposta finanziaria fatta a Bme sia attraente “per gli attuali azionisti di Bme”. L’operatore finanziario svizzero, crede che la fusione farebbe nascere un ecosistema svizzero-spagnolo che si presenterebbe come centro di eccellenza; l’unione delle forze, inoltre, darebbe a entrambe le Borse la possibilità di attrarre nuovi investimenti globali e di rafforzare la presenza dei gestori patrimoniali svizzeri nell’Ue.

La struttura dell’Opa Six sulla Borsa di Madrid

L’offerta volontaria di Six è in contanti e riguarda il 100% del capitale sociale di Bme, al prezzo di 34 euro per azione, ovvero 2,843 miliardi di euro di offerta, pari a 3,108 miliardi di franchi svizzeri.

L’offerta si presenta come un premio del 47,6% sul prezzo medio ponderato del titolo azionario di Bme a 6 mesi, e rappresenta un surplus di valore del 33,9% rispetto al prezzo delle azioni del 15 novembre 2015 (25,4 euro).

Six impone comunque delle condizioni all’offerta. In particolare chiede che il livello minimo di partecipazione di Six in Bme sia almeno del 50% più uno; che l’operazione sia autorizzata dalla Cnmc e dalla Cnmv che sono le autorità spagnole che garantiscono il corretto funzionamento dei mercati finanziari spagnoli. Ma Six richiede che anche il governo spagnolo sia d’accordo con l’operazione.

Bme dovrà dare una risposta entro il primo semestre del 2020.

Per quanto riguarda la struttura societaria di Bme dopo l’eventuale acquisizione da parte di Six, quest’ultima garantisce un periodo di transizione di 4 anni, durante i quali resterebbe inalterato l’attuale marchio Bme e le attuali attività business, così come resterebbe al suo posto la sede principale di Bme e i suoi altri uffici.

Six si impegna anche a fornire uan certa indipendenza al business di Bme.

Six implementerebbe tecnologie DLT e blockchain in Bme

Dal comunicato si apprende anche che Six implementerebbe le sue attuali tecnologie DLT e blockchain nella infrastruttura dell’operatore Bme, ciò significherebbe l’implementazione di queste nuove tecnologie in tutte le borse spagnole, per offrire una infrastruttura pronta per i digital asset anche in Spagna.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: