Italia Markets open in 26 mins

Titoli azionari Europei: le PMI del settore dei servizi dovranno stupire…

Bob Mason

Calendario economico:

Mercoledì 4 Dicembre 2019

  • PMI Servizi Spagnoli (Nov)
  • PMI Servizi italiani (Nov)
  • PMI Servizi francesi (Nov) finale
  • PMI Servizi tedeschi (Nov) finale
  • PMI composito Eurozone Markit (Nov) Finale
  • PMI servizi Eurozone (Nov) Finale

Giovedì 5 Dicembre 2019

  • Ordini di fabbrica tedeschi (MoM) (Ott)
  • PIL dell’Eurozona (QoQ) (Q3) Terza Stima
  • PIL dell’Eurozona (YoY) (Q3) Terza Stima
  • Vendite al dettaglio dell’Eurozona (MoM) (Ott)

Venerdì 5 Dicembre 2019

  • Produzione industriale tedesca (MoM) (Ott)

Titoli principali

Dopo un inizio particolarmente ribassista della settimana, martedì è stato un giorno misto per le major, con il DAX30 in aumento dello 0,19% per invertire la tendenza.

Il CAC40 e EuroStoxx600 si sono uniti ai loro colleghi statunitensi in rosso, con perdite rispettivamente dell’1,03% e dello 0,63%.

Senza statistiche importanti che forniscano indicazioni sulla giornata, il sentimento negativo verso il commercio ha pesato sulla propensione al rischio nella giornata.

Il CAC40 è stato messo a fuoco a causa delle minacce dell’amministrazione statunitense di possibili dazi su tutte le esportazioni francesi negli Stati Uniti

Per coloro che sono alla ricerca di un accordo commerciale di fase 1 tra Stati Uniti e Cina, Trump ha anche abbandonato le speranze di un accordo entro la fine dell’anno. Martedì, il Presidente degli Stati Uniti ha dichiarato che potrebbe attendere fino a dopo le elezioni presidenziali del 2020.

Le Statistiche

Martedì è stata una giornata tranquilla sul calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave erano limitate ai dati sulla disoccupazione in Spagna.

Mentre la disoccupazione è aumentata di 25.000 unità, a seguito di un salto di 97.900 del mese precedente, gli economisti avevano previsto un aumento di 75.200.

Le statistiche hanno avuto poca influenza, tuttavia, poiché le chiacchiere sugli scambi commerciali hanno dominato per tutto il giorno.

Non ci sono state statistiche materiali dagli Stati Uniti per fornire indicazioni più avanti nel corso della giornata.

I Market Movers

Per il DAX: è stata una giornata mista per il settore automobilistico. Daimler è sceso dello 0,92% per scendere, con Continental in calo dello 0,02%. BMW e Volkswagen sono riusciti a evitare un altro giorno in rosso, tuttavia, con la coppia in rialzo dello 0,08% e dello 0,15% rispettivamente.

È stata anche una giornata ribassista per le banche. Deutsche Bank è diminuita dell’1,28%, con Commerzbank in calo del 2,36%.

Dal CAC, è stata una giornata ribassista per le banche. Il Credit Agricole è scivolato dell’1,74% in ribasso. BNP Paribas e Soc Gen non erano molto indietro con perdite rispettivamente dell’1,69% e dell’1,50%.

L’avversione al rischio ha pesato anche sul settore automobilistico francese. Peugeot è scesa dell’1,77%, mentre la Renault è crollata del 2,57%.

L’ultima attenzione di Trump ai prodotti francesi ha aggiunto pressione su Airbus e marchi di lusso. Airbus è stato il peggiore dei 40, scivolando del 4,41%. Hermes e LVMH sono diminuiti rispettivamente del 2,53% e dell’1,48%.

La scivolata in Airbus è venuta fuori dalle conclusioni dell’OMC secondo cui l’UE non era riuscita a rimuovere tutti i sussidi al produttore di aeromobili. Con la Francia che introduce una tassa digitale che dovrebbe avere un impatto su un certo numero di società tecnologiche statunitensi, non ci volle molto perché l’amministrazione statunitense portasse la battaglia a Macron…

Sull’indice VIX

È stato un altro giorno forte per il VIX, che è aumentato del 7,04% martedì. Dopo un balzo del 18,15% lunedì, il VIX ha chiuso la giornata a 16,0.

La reazione del mercato ai commenti dell’amministrazione statunitense sul commercio ha fornito il rialzo della giornata.

Il piano del presidente degli Stati Uniti di tenere eventualmente un accordo con la Cina fino a dopo le elezioni presidenziali non ha aiutato. Trump ha anche minacciato le tariffe su tutte le merci francesi, mentre ha lanciato le tariffe sulle importazioni di alluminio e acciaio argentine e brasiliane.

Le major statunitensi sono state in un blues post-Ringraziamento, con S&P500 che scende per il 3° giorno consecutivo martedì.

Dopo aver raggiunto i livelli più alti da metà ottobre, VIX ha toccato 18 livelli per la prima volta dal 10 Ottobre di martedì.

La giornata di oggi

È un giorno impegnativo per il calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave in uscita dall’Eurozona includevano i numeri PMI del settore dei servizi fuori dall’Italia e dalla Spagna. Le PMI finalizzate sono inoltre dovute da Francia, Germania ed Eurozona.

Salvo eventuali deviazioni dai prelims, possiamo aspettarci che l’attenzione del mercato sia rivolta all’Italia e al PMI composito e dei servizi dell’Eurozona.

Dagli Stati Uniti, anche i dati ISM non manifatturieri preferiti sul mercato e le cifre sul cambiamento dell’occupazione non agricola di ADP forniranno indicazioni più avanti nella sessione.

Mentre possiamo aspettarci un’influenza dai numeri, qualsiasi chiacchiera sul commercio continuerà a oscurare le statistiche del giorno.

Nel mercato dei futures, al momento della stesura del presente documento, il DAX30 era aumentato di 54,5 punti, mentre il Dow era aumentato di 19 punti.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: