Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.833,88
    +27,11 (+0,07%)
     
  • Nasdaq

    16.803,88
    +9,00 (+0,05%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.183,44
    +921,71 (+1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.511,45
    +22,90 (+1,54%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.312,94
    +4,81 (+0,09%)
     

Tribunale GB ordina a controllata Gazprom stop cause in Russia contro UniCredit

Il logo di UniCredit

LONDRA (Reuters) - La Corte Suprema del Regno Unito ha ordinato a una controllata della società russa Gazprom di fermare le azioni legali contro UniCredit in Russia relative a un progetto sul gas poi accantonato.

RusKhimAlyans ha avviato diverse cause nei tribunali russi dopo che l'invasione di Mosca in Ucraina e le conseguenti sanzioni occidentali hanno bloccato i lavori per un impianto di gas naturale liquefatto (Gnl) nel porto baltico di Ust-Luga nel 2022.

La società, controllata al 50% da Gazprom, ha citato in giudizio UniCredit per circa 450 milioni di euro ad agosto 2023, dopo che la banca si è rifiutata di pagare le garanzie bancarie legate al progetto, adducendo come motivazione l'imposizione delle sanzioni occidentali.

UniCredit ha ottenuto un'ingiunzione a Londra, impedendo a RusKhimAlyans di portare avanti la causa in Russia, in quanto il contratto tra le parti prevedeva che le controversie sarebbero state sottoposte ad arbitrato in Francia.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

RusKhimAlyans ha cercato di ribaltare questa decisione presso la Corte Suprema del Regno Unito la scorsa settimana, ma l'appello del gruppo è stato respinto.

No comment sia da parte di RusKhimAlyans che da parte di UniCredit.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)