Italia markets close in 6 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    21.399,42
    +105,56 (+0,50%)
     
  • Dow Jones

    30.775,43
    -253,88 (-0,82%)
     
  • Nasdaq

    11.028,74
    -149,16 (-1,33%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    107,29
    +1,53 (+1,45%)
     
  • BTC-EUR

    18.672,92
    +162,82 (+0,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    421,23
    -10,24 (-2,37%)
     
  • Oro

    1.793,30
    -14,00 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,0470
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    3.785,38
    -33,45 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.461,55
    +6,69 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8638
    +0,0031 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    1,0016
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,3512
    +0,0022 (+0,16%)
     

Turchia e Russia discuteranno di esportazione grano ucraino durante meeting 8 giugno

Grano viene caricato in una nave da 40.000 tonnellate

ANKARA (Reuters) - Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov sarà in Turchia l'8 giugno con una delegazione militare per discutere della creazione di un potenziale corridoio marittimo per le esportazioni agricole ucraine.

Lo ha detto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu.

In una telefonata con il presidente turco Tayyip Erdogan nella giornata di ieri, il presidente Vladimir Putin ha detto che la Russia è pronta a facilitare l'esportazione di grano dai porti ucraini in coordinamento con la Turchia.

Parlando con l'agenzia di stampa statale Anadolu, Cavusoglu ha detto che è ancora in corso il lavoro con le Nazioni Unite per raggiungere un accordo sulla creazione di un corridoio dal Mar Nero, ma che rimangono problemi tra Mosca e Kiev. Cavusoglu ha aggiunto che le Nazioni Unite hanno proposto di formare un meccanismo di osservazione congiunto per monitorare la rotta di navigazione e che la Turchia è favorevole all'idea.

Il ministro degli Esteri turco ha detto che la Russia vuole che alcune sanzioni occidentali che colpiscono il suo settore assicurativo siano revocate, in quanto avrebbero un impatto sulle navi che parteciperanno alla potenziale rete di navigazione, mentre l'Ucraina non vuole che le navi da guerra russe si avvicinino al porto di Odessa.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli