Italia markets open in 1 hour 48 minutes
  • Dow Jones

    31.490,07
    -1.164,52 (-3,57%)
     
  • Nasdaq

    11.418,15
    -566,37 (-4,73%)
     
  • Nikkei 225

    26.441,99
    -469,21 (-1,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0503
    +0,0037 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    27.728,49
    -963,76 (-3,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    648,70
    -21,98 (-3,28%)
     
  • HANG SENG

    20.179,30
    -464,98 (-2,25%)
     
  • S&P 500

    3.923,68
    -165,17 (-4,04%)
     

Ue, acquirenti gas russo devono confermare pagamenti iniziali in euro

Diverse bandiere davanti la sede della Commissione europea

BRUXELLES (Reuters) - L'Unione europea ha reso noto che gli acquirenti di gas russo potrebbero evitare di violare le sanzioni contro la Russia dichiarando complete le transazioni una volta pagato il dovuto in euro o dollari, ma non ci può essere soluzione se Mosca insiste a chiedere pagamenti in rubli.

Il gigante russo Gazprom ha tagliato ieri le forniture di gas a Polonia e Bulgaria, dopo che i due Stati si sono rifiutati di pagare il gas in rubli.

Il taglio alle forniture ha aumentato in Europa la confusione e la preoccupazione nei confronti del decreto presidenziale russo che impone agli acquirenti di prodotti energetici di aprire conti correnti presso Gazprombank per effettuare pagamenti in altre valute che poi saranno convertite in rubli e pagati a Gazprom.

"Le aziende europee possono pagare in euro ed insistere, fare una dichiarazione, che ritengono il pagamento completato. E in questo modo le aziende [...] e gli Stati membri avranno rispettato le sanzioni", ha detto un funzionario di alto livello dell'Unione europea durante una conferenza stampa.

La difficoltà per gli acquirenti europei è che il decreto richiede anche l'apertura di un conto in rubli presso Gazprombank, in cui i loro pagamenti in euro o dollari saranno depositati dopo la conversione nella valuta russa.

Secondo la Commissione europea, l'apertura di un conto in rubli sarebbe un'infrazione delle sanzioni Ue contro la Russia perché il pagamento in un caso del genere sarebbe completo dopo la conversione da euro a rubli. La conversione implicherebbe una transazione attraverso la banca centrale russa, soggetta a sanzioni dell'Unione europea.

"Quello che non possiamo accettare è che le aziende siano obbligate ad aprire un secondo conto, e che tra il primo e il secondo conto la somma in euro sia nelle mani delle autorità e della banca centrale russe, e che il pagamento sia completo solo dopo la conversione in rubli", ha detto il funzionario Ue.

Questa sarebbe una violazione delle sanzioni.

Se le aziende dichiarassero completati i loro pagamenti una volta depositati gli euro presso Gazprombank non dovrebbero aprire un secondo conto con Gazprombank, ha detto il funzionario.

Alcuni acquirenti europei di gas avrebbero aperto conti in rubli, ma funzionari della Commissione hanno detto di non avere informazioni in merito.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli