Italia markets close in 2 minutes
  • FTSE MIB

    18.961,43
    -323,98 (-1,68%)
     
  • Dow Jones

    27.599,81
    -735,76 (-2,60%)
     
  • Nasdaq

    11.353,27
    -195,01 (-1,69%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    38,50
    -1,35 (-3,39%)
     
  • BTC-EUR

    10.996,71
    -102,37 (-0,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,56
    -3,85 (-1,46%)
     
  • Oro

    1.907,00
    +1,80 (+0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1825
    -0,0044 (-0,37%)
     
  • S&P 500

    3.394,57
    -70,82 (-2,04%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.106,63
    -92,23 (-2,88%)
     
  • EUR/GBP

    0,9079
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0723
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5621
    +0,0062 (+0,40%)
     

Una vitamina protegge dalle complicanze del coronavirus: la scoperta

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Una vitamina protegge dalle complicanze del coronavirus: la scoperta (Getty Images)
Una vitamina protegge dalle complicanze del coronavirus: la scoperta (Getty Images)

Chi ha buoni livelli di vitamina D nel sangue è più protetto dalle complicanze e riduce del 55% il rischio di morire per coronavirus: a dirlo è uno studio condotto presso la Boston University School of Medicine e pubblicato sulla rivista Plos One. I livelli di vitamina D suggeriti sono di 30 nanogrammi per millilitro di plasma.

Altri studi di popolazione, nei mesi scorsi, avevano indotto ad avanzare l'ipotesi dell'azione protettiva della vitamina D contro complicanze tipiche del Covid, dalla perdita di conoscenza all'ipossia, dall'eccesso di infiammazione ad alterazioni della risposta immunitaria fino anche al rischio di morte.

GUARDA ANCHE - Covid, cani riconoscono chi è positivo

In questo lavoro, però, per la prima volta è stato direttamente confrontato l'esito clinico di pazienti ricoverati per Covid e con deficit di vitamina D al momento del ricovero con l'esito di pazienti simili ma senza carenza vitaminica. Questi ultimi, secondo quanto è emerso, avevano meno probabilità di ipossia e perdita di conoscenza, meno infiammazione e più linfociti; avevano inoltre un rischio di morte inferiore del 55%.

“Questo studio fornisce una prova diretta che avere un buon livello plasmatico di vitamina D riduce le complicanze del covid, inclusa la tempesta citochinica e da ultimo il rischio di morire per Covid-19" - ha sottolineato il dottor Holick, autore principale dello studio. "Poiché la carenza di vitamina D o anche una lieve insufficienza sono molto diffuse nel mondo tra bambini e adulti - ha concluso - specie nei mesi invernali, è prudente per ognuno assumere un integratore di vitamina D per ridurre il rischio di essere infettato e di avere complicanze in caso di Covid-19".

GUARDA ANCHE - Uno spot anti-Covid che fa paura