Italia markets open in 8 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.311,30
    +190,80 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    0,9798
    -0,0086 (-0,87%)
     
  • BTC-EUR

    20.350,17
    -338,60 (-1,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,11
    -7,01 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,85 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Zona euro, attività economica si contrae nuovamente ad agosto - Pmi

Bandiere della zona euro davanti alla Commissione europea a Bruxelles

LONDRA (Reuters) - L'attività delle imprese della zona euro si è contratta per il secondo mese ad agosto a causa del calo della domanda, con i consumatori che hanno limitato gli acquisti per via dell'aggravarsi della crisi del costo della vita e di prospettive economiche cupe.

L'indice Pmi composito finale a cura di S&P Global, considerato un buon indicatore dello stato di salute dell'economia, è sceso a un minimo di 18 mesi di 48,9 ad agosto da 49,9 di luglio, al di sotto della stima preliminare di 49,2. Qualsiasi valore inferiore a 50 indica una contrazione.

"Il secondo mese di peggioramento delle condizioni economiche nella zona euro aumenta la probabilità di una contrazione del Pil nel terzo trimestre", ha detto Chris Williamson, capo economista aziendale di S&P Global.

"Ad agosto la produzione è calata a un ritmo più sostenuto, con aziende e famiglie che hanno ridotto le spese a causa della recente impennata dell'inflazione e della crescente incertezza sulle prospettive economiche", ha spiegato Williamson.

L'indice delle nuove attività è sceso a 46,9 da 47,6, il minimo da novembre 2020.

Il Pmi relativo al settore dei servizi, settore dominante nel blocco, è sceso a 49,8 da 51,2, al di sotto della stima preliminare di 50,2, registrando il primo mese al di sotto del livello di pareggio da marzo 2021.

Tuttavia, l'allentamento delle pressioni sui prezzi ha suscitato un certo sollievo. Sebbene gli indici dei prezzi input e output dei servizi siano rimasti elevati, sono entrambi diminuiti, con l'indice input sceso a 72,5 da 74,7, la lettura più bassa da febbraio.

Le richieste di un aumento senza precedenti dei tassi di interesse di 75 punti base da parte della Banca centrale europea giovedì sono ben equilibrate, sebbene un'esigua maggioranza di economisti dica di aspettarsi un aumento inferiore, secondo un sondaggio Reuters. [ECILT/EU]

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)