Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.717,09
    -260,99 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    11.393,81
    -227,90 (-1,96%)
     
  • Nikkei 225

    27.433,40
    +50,84 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    -0,0020 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    21.004,78
    -1.011,62 (-4,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    515,78
    -22,09 (-4,11%)
     
  • HANG SENG

    22.069,73
    -619,17 (-2,73%)
     
  • S&P 500

    4.017,77
    -52,79 (-1,30%)
     

Zona euro probabilmente indirizzata verso lieve recessione - Pmi

Bandiere dell'Unione europea a Francoforte, in Germania

LONDRA (Reuters) - L'attività delle imprese della zona euro è diminuita per il quinto mese a novembre, suggerendo che l'economia stia scivolando in una lieve recessione, mentre i consumatori tagliano le spese in un contesto di inflazione crescente.

L'indice composito Pmi (Purchasing managers' index) di S&P Global per la zona euro, considerato un buon indicatore per la salute economica, è salito a 47,8 a novembre da 47,3 - minimo di 23 mesi - di ottobre, confermando lastima preliminare.

Qualsiasi valore inferiore a 50 indica una contrazione.

"Il quinto calo mensile consecutivo della produzione segnalato dal Pmi accresce la probabilità che la zona euro stia scivolando verso la recessione", ha detto Chris Williamson, capo economista di S&P Global Market Intelligence.

"Tuttavia, al momento la flessione rimane solo modesta, con un'attenuazione del tasso complessivo di contrazione a novembre, il che significa che finora la regione sembra destinata a vedere una contrazione del Pil di appena lo 0,2%".

In un sondaggio Reuters del mese scorso, gli economisti hanno dato una probabilità mediana del 78% di una recessione nel blocco entro un anno e hanno previsto una contrazione dell'economia dello 0,4% in questo trimestre.

Con la domanda di nuovo in calo e le scarse prospettive di un'imminente inversione di tendenza, le imprese hanno ridotto le assunzioni - l'indice dell'occupazione è sceso a 51,8 da 52,5. La disoccupazione nella regione è scesa al 6,5% ad ottobre, secondo i dati ufficiali pubblicati giovedì scorso.

Il Pmi relativo all'industria dei servizi, che ha un ruolo dominante in Europa, è sceso a 48,5 da 48,6, ai minimi dall'inizio del 2021 e al di sotto della stima preliminare di 48,6.

Tuttavia, l'indice dei prezzi input e output sono entrambi scesi, suggerendo che le pressioni inflazionistiche potrebbero aver già raggiunto il picco, una notizia probabilmente gradita ai banchieri della Banca centrale europea. L'indice dei prezzi alla produzione ha toccato il minimo di 3 mesi a 62,3.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)