Italia markets open in 6 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    33.717,09
    -260,99 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    11.393,81
    -227,90 (-1,96%)
     
  • Nikkei 225

    27.441,91
    +8,51 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,0859
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    21.026,89
    -966,99 (-4,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    517,53
    -20,34 (-3,78%)
     
  • HANG SENG

    22.069,73
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.017,77
    -52,79 (-1,30%)
     

Zucchero: troppo abbondante nelle merende dei bambini

Molti prodotti per la prima colazione di neonati e bambini contengono alti livelli di zucchero.

A seguito di un'indagine su quasi 100 prodotti, i funzionari di Action on Sugar hanno riferito che la purea per bambini «Banana, Mela e Mirtillo» di Ella's Kitchen è quella che contiene il maggior numero di zuccheri per porzione, con 14,5 grammi di zucchero per busta, pari a quattro cucchiaini di zucchero.

Seguono Banana Baby Brekkie di Ella's Kitchen (13,6 grammi per porzione) e Banane, albicocche - sempre di Ella's Kitchen - con 13,5 grammi per porzione.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che tre quarti dei prodotti riportavano l'indicazione «senza zuccheri aggiunti» o «solo zuccheri naturali».

Tuttavia, molti produttori aggiungono zuccheri sotto forma di succhi di frutta/verdura, concentrati, puree e polveri.

Babease Simply Smooth Avocado Breakfast with Yogurt, Spinach & Oats (3,5 grammi di zucchero per porzione) è stato l'unico prodotto di questo sondaggio a utilizzare le verdure come aroma per il proprio prodotto.

In risposta, il team di Action on Sugar chiede ai leader delle aziende di eliminare le indicazioni nutrizionali e salutistiche fuorvianti da tutti gli alimenti e le bevande per bambini.

«Questo sondaggio ha dimostrato che c'è un numero spropositato di prodotti che hanno un sapore troppo dolce e contengono troppi zuccheri, soprattutto perché a questa fascia d'età si raccomanda di evitare il consumo di alimenti con zuccheri aggiunti, compresi quelli provenienti da succhi di frutta, concentrati e puree», ha dichiarato la nutrizionista Zoe Davies.

«I genitori si affidano a queste aziende perché producano pasti sani e adatti all'età dei loro bambini, ma vengono ingannati da un marketing intelligente e da indicazioni fuorvianti che dominano le confezioni dei prodotti. La corsia dei prodotti per l'infanzia dovrebbe essere vista come uno spazio sicuro a cui genitori e assistenti possono rivolgersi per trovare alimenti adatti, non solo dal punto di vista della consistenza, ma anche da quello nutrizionale».