Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.193,65
    -752,41 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

A Bologna c'è "Sfregi", prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì - FOTO

Primo Piano

In attesa della riapertura dei musei su tutto il territorio nazionale, "Genus Bononiae. Musei nella Città" presenta in anteprima al pubblico "Sfregi", prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì (Forlì, 1977), a Palazzo Fava di Bologna fino al 25 luglio.

Sabato 10 e martedì 13 aprile, alle 18.30, saranno organizzate due visite guidate online della mostra con la partecipazione dell'artista (10 aprile) e dei curatori Alberto Zanchetta e Chiara Stefani (13 aprile).

Gli appuntamenti sono pensati per introdurre la mostra e, in attesa dell'apertura, avvicinare il pubblico alle sue principali tematiche. Attraverso le immagini che ripercorrono fedelmente il percorso espositivo e le parole dei protagonisti, i visitatori entreranno nelle sale di Palazzo Fava compiendo un itinerario guidato tra le opere e ammirando i preziosi fregi del palazzo.

Una lettura esaustiva e lenticolare del percorso intrapreso da Samorì negli ultimi vent'anni, che illumina le opere più rappresentative della sua produzione. Sono circa 80 i lavori esposti, che spaziano dalla scultura alla pittura, dagli esordi fino alle realizzazioni più recenti, in dialogo con gli affreschi dei Carracci e altri capolavori della collezione.