Italia markets open in 4 hours 51 minutes
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.480,49
    -205,91 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0504
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • BTC-EUR

    16.048,90
    -305,72 (-1,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    395,80
    -6,24 (-1,55%)
     
  • HANG SENG

    19.221,03
    +406,21 (+2,16%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     

10.000 passi al giorno: ecco come mantenersi in forma

Percorrere 10.000 passi al giorno può fare la differenza. A patto che lo si faccia a velocità sostenuta.

Lo rilevano i nuovi studi pubblicati dall'Università di Sydney e dall'Università della Danimarca meridionale.

«Per beneficiare di risultati duraturi per la salute, le persone dovrebbero mirare idealmente non solo a percorrere 10.000 passi al giorno, ma anche a camminare più velocemente», afferma il dottor Matthew Ahmadi.

«Per le persone meno attive, il nostro studio dimostra anche che un minimo di 3.800 passi al giorno può ridurre il rischio di demenza del 25 per cento», ha poi aggiunto il professore associato Borja del Pozo Cruz.

I dati si basando su un campione di 78.500 adulti del Regno Unito di età compresa tra 40 e 79 anni. Lo studio è durato sette anni.

Per misurare l'attività fisica i partecipanti hanno indossato un accelerometro da polso.

Per il prossimo step della ricerca, il team spera che l'uso dei tracker faccia più luce sui benefici per la salute associati all'intensità della camminata o della corsa.

«Il conteggio dei passi è facilmente comprensibile e ampiamente utilizzato dal pubblico per tenere traccia dei livelli di attività grazie alla crescente popolarità di fitness tracker e app, ma raramente le persone pensano al ritmo dei propri passi», ha osservato il professor Emmanuel Stamatakis.

«I risultati di questi studi potrebbero gettare le prime linee guida formali sull'attività fisica basata su fasi e aiutare a sviluppare programmi di salute pubblica efficaci volti a prevenire le malattie croniche».

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su JAMA Internal Medicine e JAMA Neurology.