Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.590,79
    -18,55 (-0,05%)
     
  • Nasdaq

    15.211,80
    +90,12 (+0,60%)
     
  • Nikkei 225

    28.708,58
    -546,97 (-1,87%)
     
  • EUR/USD

    1,1631
    -0,0022 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    53.938,59
    -3.575,17 (-6,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.486,06
    -48,59 (-3,17%)
     
  • HANG SENG

    26.017,53
    -118,49 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    4.549,08
    +12,89 (+0,28%)
     

Abusi sessuali nella moda: dodici ex top model denunciano Gérald Marie, "boss" dell'agenzia Elite

·2 minuto per la lettura

Trema ancora una volta il mondo della moda.
Almeno quello di un tempo ormai passato.

Le donne accusano

Una dozzina di donne, ex modelle (e una ex giornalista della BBC, Lisa Brinkworth, all'origine dell'inchiesta avviata nel settembre 2020), accusano Gérard Marie, l'ex numero 1 della famosa agenzia Elite Model, di avere abusato sessualmente di loro negli anni '80 e '90.

Le ex fotomodelle, di diverse nazionalità, sono state ascoltate dalla polizia francese la settimana scorsa.
Incredibilmente, per la prima volta.

Durante una conferenza che si è tenuta al Senato francese, le ex top model hanno descritto le pressioni, gli abusi e le violenze a cui sono state sottoposte da Gérald Marie e da un altro pezzo grosso dell'industria della moda parigina, Jean-Luc Brunel, incarcerato un anno fa in relazione al caso Jeffrey Epstein.

"Non siamo sole"

Racconta Ebba Karlsson, ex modella svedese:
"È stato un sollievo... Soprattutto è stato incredibile incontrare tutte loro, prima pensavo di essere sola, tutte noi pensavamo di esserlo e invece ci siamo incontrate, un gruppo di donne che condivide una storia drammatica. È nato un sentimento molto forte. Se riusciamo a fare progressi e a ispirare l'intera industria della moda a cambiare, allora avremo vinto".

"Voglio spingere altre donne a denunciare"

Continua l'ex modella olandese Thysia Huisman:
"Per anni ho taciuto di essere stata drogata e violentata dal mio agente Jean-Luc Brunel. Perché mi vergognavo e avevo anche molta paura. Quando mi sono fatta avanti, erano passati 28 anni dallo stupro e il mio avvocato mi ha detto che a causa della prescrizione non c'era nulla che potessi fare contro Brunel. Così mi sono fatta avanti solo per cercare di motivare altre donne a denunciare questa situazione".

In effetti, il vero problema giudiziario è che i reati commessi e contestati a Marie e Brunel sono caduti in prescrizione.
Ecco perché queste ex modelle, con l'aiuto dell'ex azionista di Elite, Omar Harfouch, chiedono ai politici francesi di modificare la legislazione per questi casi di abusi sessuali.

"Sono vittime, non solo testimoni!"

Interviene energicamente l'avvocato Anne-Claire Lejeune:
"È un'ingiustizia! È quasi una doppia punizione, perché il fatto che abbiano subito questi eventi, anche molto tempo fa, è già molto complicato ed è grave che queste donne siano considerate come semplici testimoni e non come vittime".

L'anno scorso, in Francia, la polizia ha aperto un'inchiesta per stupro, anche su minori, contro Gérald Marie, che però si dichiara innocente.
La principale speranza per le sue accusatrici è che una vittima, per la quale il tempo di prescrizione non sia ancora scaduto, abbia finalmente il coraggio di parlare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli