I mercati italiani aprono fra 4 ore 25 min

Bill Gates rivela il suo più grande rimpianto

Il fondatore di Microsoft Bill Gates sta lentamente cercando di mostrare il lato umano della sua carriera, un viaggio che lo ha portato a essere uno degli uomini più ricchi al mondo, più invidiati e talvolta anche più odiati (senza alcun motivo specifico se non per il prezzo con il quale ha venduto negli anni i suoi prodotti).

Bill Gates (AP Photo/Julio Cortez)

Intervistato al Bloomberg Global Business Forum – evento nel quale non ha parlato molto di informatica, ma più che altro degli impegni della sua fondazione, con attività benefiche rivolte soprattutto alla lotta contro la diffusione dell’AIDS e per una maggiore istruzione nei paesi in via di sviluppo – Gates ha rivelato qual è il suo più grande rimpianto come programmatore.

Si tratta di un problema che per noi utenti forse non è così importante, ma per lui è un grosso cruccio: parliamo della combinazione di tasti CTRL+ALT+CANC, il comando che serve a riavviare il pc, a chiudere un’applicazione piantata oppure a entrare nella task di Windows. Il problema? Potesse tornare indietro, Bill Gates vorrebbe ricreare lo stesso dispositivo ma su un solo tasto anziché una combinazione di tre.

Gates ha negato di avere responsabilità diretta su questa scelta “stilistica” dei tre tasti, che il co-fondatore di Carlyle Group David Rubenstein ha definito come “una delle questioni più sconcertanti dell’era digitale”. Come però molti utenti online hanno fatto notare, la combinazione è in realtà piuttosto facile da ricordare, e la pressione di tre tasti contemporaneamente per sbloccare una situazione di impasse permette di evitare problemi di altro genere. Infatti, qualora ci fosse stato un solo tasto, sarebbe stato possibile “bloccare” il computer o interrompere il lavoro magari toccandolo inavvertitamente.

Insomma, Bill Gates tiene molto alla perfezione, e questo errore del passato per lui è importante. Ma talvolta anche un errore può nascondere dei lati… positivi!