Italia markets open in 5 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    30.316,32
    +825,43 (+2,80%)
     
  • Nasdaq

    11.176,41
    +360,97 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    27.086,28
    +94,07 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    0,9972
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    20.298,76
    +553,63 (+2,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    458,82
    +13,39 (+3,01%)
     
  • HANG SENG

    17.685,56
    +606,05 (+3,55%)
     
  • S&P 500

    3.790,93
    +112,50 (+3,06%)
     

BoE venderebbe gilt anche in caso di futuri tagli tassi - Ramsden

Una visione generale dell'edificio della Bank of England (BoE)

LONDRA (Reuters) - Bank of England continuerà a vendere gradualmente il suo vasto stock di titoli di Stato britannici anche se un rallentamento dell'economia la costringesse a ridurre i tassi di interesse, ha detto il vice governatore Dave Ramsden.

BoE è pronta a diventare la prima grande banca centrale a vendere parte dei bond acquistati durante oltre un decennio di quantitative easing, con un programma di vendita da 40 miliardi di sterline (49 miliardi di dollari) che potrebbe iniziare il mese prossimo.

Ramsden, responsabile del bilancio della BoE -che ammonta a circa 1.000 miliardi di sterline- ha detto a Reuters che è "abbastanza probabile" che i tassi debbano essere aumentati nuovamente, dopo l'incremento del Bank Rate da parte di BoE di 50 punti base la scorsa settimana, a quota 1,75%.

Ma, in un'intervista, Ramsden ha anche riconosciuto le aspettative dei mercati finanziari secondo cui la recessione prevista dalla Banca centrale potrebbe costringerla a invertire la rotta il prossimo anno - uno scenario che Ramsden ha detto non essere nelle sue previsioni ma che "non esclude con certezza".

Anche in questa situazione, il processo di vendita dei gilt - o quantitative tightening (Qt) - potrebbe continuare, ha detto Ramsden.

"Penso che sia coerente con il modo in cui abbiamo comunicato le cose, che continueremo con il ritmo del Qt sullo sfondo", ha detto Ramsden, parlando nel suo ufficio alla Bank of England.

La scorsa settimana BoE ha annunciato che avrebbe avuto una "soglia elevata" per interrompere le vendite di obbligazioni nell'ambito del quantitative tightening, in caso di turbolenze economiche o finanziarie.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)