Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.430,08
    -70,60 (-0,22%)
     
  • Nasdaq

    11.533,11
    -74,51 (-0,64%)
     
  • Nikkei 225

    26.871,27
    +379,30 (+1,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0586
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    19.670,46
    -517,49 (-2,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    453,99
    -7,80 (-1,69%)
     
  • HANG SENG

    22.229,52
    +510,46 (+2,35%)
     
  • S&P 500

    3.899,90
    -11,84 (-0,30%)
     

Borsa Milano, in rialzo ma occhi su minute Fed, tonici oil e banche, in ripresa Mfe

Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari si appresta a chiudere la seduta odierna in rialzo, sulla stessa linea delle altre borse europee, nonostante vi siano ancora timori per un potenziale deterioramento del quadro economico globale.

Gli azionari europei paiono beneficiare della seduta tonica dei titoli energetici, del comparto dei materiali e delle banche, che reagiscono alle prospettive di un rialzo dei tassi.[L6N2XH06H]

Gli occhi del mercato sono infatti puntati sui segnali lanciati dalle varie banche centrali per capire quanto restrittive saranno le prossime mosse di politica monetaria, mentre la presidente Bce Christine Lagarde sembra aver incassato il supporto al suo piano di rialzo dei tassi da alcune figure chiave del board dell'istituto.

La grande attesa per le minute dell'ultimo meeting della Fed, che verranno rese note in serata, è testimoniata dall'andamento a Wall Street, in lieve rialzo ma molto volatile.

Intorno alle 16,55 l'indice FTSE Mib guadagna lo 1,4%, con volumi intorno agli 1,4 miliardi.

Tra i titoli in evidenza:

Le azioni B e A di MEDIAFOREUROPE (Mfe) invertono con forza la rotta e arrivano a guadagnare rispettivamente il 7,1% e il 5,3% dopo i risultati del primo trimestre resi noti in mattinata. Il titolo del gruppo era partito debole ma ha recuperato nell'arco della giornata. Secondo un trader, beneficia della conferma della guidance per l'anno in corso e di un risultato operativo in linea con le attese.

Accelerano le banche: BPER avanza di 3,4%, UNICREDIT sale di 2,5%, BANCO BPM guadagna 2% circa, INTESA SANPAOLO prende 2,4%.

Resta tonico il comparto oil, supportato dal rialzo dei prezzi del greggio, che giovano dell'offerta limitata e delle prospettive di una domanda in aumento anche in virtù dell'inizio della stagione estiva negli Stati Uniti. ENI guadagna 3,3%, TENARIS avanza di 1,8%, mentre SAIPEM cede 2,6%.

Seduta molto volatile per TELECOM ITALIA, che torna in territorio positivo e segna +0,8%. Ieri il gruppo si è aggiudicato 1,6 miliardi di euro dal governo, nell'ambito del bando "Italia a 1 Giga" per portare Internet veloce a circa 7 milioni di indirizzi civici distribuiti su tutto il territorio italiano.

Si riprende il settore automotive: IVECO guadagna 2,3%, CNH INDUSTRIAL si attesta su +1,4% e STELLANTIS avanza di 1,7%. Il quarto più grande produttore automobilistico del mondo ha annunciato nella serata di ieri di aver sottoscritto con Samsung Sdi degli accordi vincolanti e definitivi per la realizzazione di un impianto di produzione di batterie per veicoli elettrici a Kokomo (Indiana), negli Stati Uniti. Equita stima che questo impianto possa equipaggiare circa 400.000 auto, corrispondenti a circa il 7% del totale delle vetture vendute nel 2021.

(Federico Maccioni, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli