Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.377,02
    -113,05 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    11.449,86
    +31,71 (+0,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.402,84
    -508,36 (-1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0594
    +0,0129 (+1,23%)
     
  • BTC-EUR

    28.395,04
    +527,29 (+1,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    669,26
    +17,02 (+2,61%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,62 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.917,99
    -5,69 (-0,15%)
     

Borsa Milano si rafforza con Wall Street positiva, strappano Bper e UniCredit, giù Saipem

Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari si rafforza ulteriormente nel pomeriggio in scia all'avvio forte di Wall Street dopo tre giorni consecutivi di ribassi, in particolare del Nasdaq.

"Oggi si torna a comprare in un mercato in forte ipervenduto", osserva un trader.

La seduta è condizionata anche dalle trimestrali, entrate nel vivo.

Intorno alle 16,30 l'indice FTSE Mib guadagna il 2%. Nonostante il rialzo odierno, il saldo da inizio mese resta negativo con l'indice in rosso del 4%. Volumi molto bassi poco sopra 1,3 miliardi di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Molto forte Bper, che cresce di oltre l'8% sui massimi da fine marzo, con il mercato che apprezza i risultati del trimestre resi noti ieri a mercati chiusi e in attesa del nuovo piano industriale di metà giugno che offrirà agli investitori maggiori dettagli sulle prospettive del gruppo alla luce delle recenti acquisizioni.

A ruota segue Unicredit che guadagna il 6,6%. Secondo un trader, "si tratta di recupero dopo la recente fase di storno legato ai risultati societari".

Bene, ma con un passo più lento, anche Intesa Sanpaolo in crescita del 3,4%. Denaro anche su Mps in salita dell'1,75% e Banco Bpm (+2,8%).

Nel settore energetico, non c'è pace per Saipem sui minimi da metà marzo con un calo di poco meno del 5%. A pesare sui corsi l'annuncio dei vertici della oil service che puntano ad accelerare i tempi per il previsto aumento di capitale da 2 miliardi, lanciandolo in estate. "In un mercato così volatile, a causa dei rischi sullo scenario economico internazionale, non è detto che ce la facciano a realizzare l'aumento entro il terzo trimestre. Questo non è un periodo molto favorevole per i mercati", sottolinea l'analista di Bestinver, Marco Opipari. Secondo un trader, "quando c'è un aumento che si avvicina, tendenzialmente si va a realizzare".

In spolvero Eni (+1,75%) con il Brent stabile, poco mossa Saras.

In attesa del trimestre oggi, molto forte Pirelli (+4,3%). Gli analisti di Intesa Sanpaolo si aspettano "un forte inizio d'anno per Pirelli", scrivono nel daily. Bene anche Stellantis (+2,1%) dopo l'avvio della copertura da parte di Berenberg con 'buy' e prezzo obiettivo di 21 euro.

In netta flessione Leonardo (-2,5%), sostanzialmente su realizzi dopo il rally del titolo che da inizio anno è in crescita del 52% circa.

Infine, in rally Campari (+3,4%) dopo l'acquisizione del marchio Picon e l'obiettivo di rafforzare la propria posizione in Francia.

(Giancarlo Navach, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli