Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.895,42
    +26,72 (+0,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Borse Europa estendono perdite, dominano timori su virus

·1 minuto per la lettura
Il grafico dell'indice tedesco DAX a Francoforte
Il grafico dell'indice tedesco DAX a Francoforte

(Reuters) - Le borse europee estendono le perdite, con i timori sull'impatto economico delle nuove restrizioni contro il coronavirus che relegano in secondo piano i buoni risultati delle blue chip britanniche Hsbc e Bp.

L'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,8% dopo aver chiuso ieri ai minimi di un mese, a causa del pessimismo legato al crescente numero di contagi negli Stati Uniti e in Europa e alle minori speranze di un pacchetto di stimolo prima delle elezioni presidenziali Usa.

L'indice tedesco DAX perde lo 0,9% dopo aver toccato ieri i minimi di quattro mesi.

Tra i settori peggiori quello dei viaggi e del tempo libero e quello retail, entrambi in calo dell'1,6%.

Le perdite dell'indice britannico FTSE 100 sono limitate da un balzo del 6,4% di Hsbc, la più grande banca europea, che ha annunciato una riorganizzazione del business model indotta dalla pandemia, accelerando i piani di ridimensionamento e di taglio dei costi.

Guadagna il 3% la spagnola Santander, che prevede che l'utile ordinario 2020 superi le stime del mercato grazie a ulteriori risparmi sui costi pari a 1 miliardo di euro.

Bp avanza dell'1,7% dopo essere tornata a segnare un piccolo utile nel terzo trimestre.

Capgemini balza del 3,3% dopo aver confermato i target annuali.

Il settore minerario cede l'1,7%, zavorrando i mercati, dopo che gli analisti di Liberum hanno tagliato il rating di Rio Tinto, Antofagasta e Kaz Minerals.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)