Italia markets close in 2 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.828,78
    +218,49 (+0,89%)
     
  • Dow Jones

    34.589,77
    +737,24 (+2,18%)
     
  • Nasdaq

    11.468,00
    +484,22 (+4,41%)
     
  • Nikkei 225

    28.226,08
    +257,09 (+0,92%)
     
  • Petrolio

    82,07
    +1,52 (+1,89%)
     
  • BTC-EUR

    16.358,53
    +209,07 (+1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,03
    +6,33 (+1,58%)
     
  • Oro

    1.801,00
    +41,10 (+2,34%)
     
  • EUR/USD

    1,0500
    +0,0092 (+0,88%)
     
  • S&P 500

    4.080,11
    +122,48 (+3,09%)
     
  • HANG SENG

    18.736,44
    +139,21 (+0,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.997,75
    +33,03 (+0,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8589
    -0,0036 (-0,41%)
     
  • EUR/CHF

    0,9877
    +0,0041 (+0,42%)
     
  • EUR/CAD

    1,4086
    +0,0120 (+0,86%)
     

Carote in gravidanza: aiutano il bambino a seguire una dieta sana?

Per convincere un bambino a consumare verdure, potrebbe essere sufficiente mangiare carote quando è nel grembo materno.

Un nuovo studio sulle scansioni a ultrasuoni ha scoperto che i feti ridacchiano durante la gravidanza, in particolare quando la madre mangia il cibo preferito di Bugs Bunny.

La ricerca, condotta dal Laboratorio di ricerca fetale e neonatale dell'Università di Durham, nel Regno Unito, ha preso in esame le scansioni ecografiche 4D di 100 donne incinte per vedere come rispondevano i loro feti, dopo essere stati esposti ai sapori degli alimenti mangiati dalle loro madri.

Gli scienziati hanno esaminato la reazione dei feti al sapore di carota o di cavolo nero, poco tempo dopo l'ingestione.

I feti che sono entrati in contatto con la carota hanno manifestato volti sorridenti, mentre il cavolo riccio ha causato dei volti tristi.

I ricercatori ritengono quindi che gli alimenti assunti dalle donne in gravidanza possano influenzare le preferenze gustative dei bambini dopo la nascita, e potenzialmente avere implicazioni sulle abitudini alimentari degli stessi.

«Diversi studi hanno suggerito che i bambini possono sentire i sapori e gli odori nel grembo materno, ma si basano su risultati successivi alla nascita, mentre il nostro studio è il primo a vedere queste reazioni prima della nascita», ha dichiarato il ricercatore principale dello studio, la dottoressa Beyza Ustun.

«Di conseguenza, pensiamo che l'esposizione ripetuta ai sapori prima della nascita possa aiutare a stabilire le preferenze alimentari dopo la nascita, il che potrebbe essere importante quando si pensa alla comunicazione di un'alimentazione sana e alla possibilità di evitare la "pignoleria alimentare" durante lo svezzamento».

Alle madri è stata somministrata una singola capsula contenente circa 400 mg di polvere di carota o 400 mg di cavolo riccio circa 20 minuti prima di ogni scansione e non hanno mangiato o bevuto nient’altro che potesse entrare in conflitto con questi sapori il giorno delle scansioni.

Il team di ricerca ha ora avviato uno studio di follow-up con gli stessi bambini dopo la nascita, per vedere se l'influenza dei sapori sperimentati nel grembo materno influisce sulla loro scelta alimentare.