Italia markets open in 6 hours 6 minutes
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.751,78
    -348,60 (-1,20%)
     
  • EUR/USD

    1,2041
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    46.386,64
    -234,44 (-0,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.275,39
    +40,97 (+3,32%)
     
  • HANG SENG

    29.135,73
    +29,58 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Covid, svelata la data X per ripartire: nuovo studio

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Covid, svelata la data X per ripartire: nuovo studio (Photo by Salvatore Laporta/KONTROLAB/LightRocket via Getty Images)
Covid, svelata la data X per ripartire: nuovo studio (Photo by Salvatore Laporta/KONTROLAB/LightRocket via Getty Images)

La possibile data per ripartire, dopo l'emergenza coronavirus, è il 25 giugno 2021: questa la conclusione a cui è giunto il modello matematico elaborato da Matteo Villa dell’Ispi per Dataroom e pubblicato da Milena Gabanelli sul Corriere della Sera.

Grazie a una massiccia somministrazione dei vaccini, secondo lo studio, l’Italia potrà ripartire perché la letalità del Covid, stimata senza immunizzazione all’1,15%, avrà raggiunto quella dell’influenza (0,1%). La data in cui si potrebbe arrivare a questo traguardo, dunque, è stimata intorno al 25 giugno 2021.

GUARDA ANCHE - Vaccino italiano ReiThera, quanto ha investito lo Stato?

Entro fine giugno, infatti, dovrebbero essere vaccinati circa 31,9 milioni di italiani (53%). Tale scenario, tuttavia, sarà possibile solo a condizione che Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson rispettino i termini di consegna e che il piano del commissario straordinario Figliuolo proceda passando dalle 130 mila prime dosi iniettate a metà marzo, alle 300 mila entro fine aprile.

Se invece dovesse esserci qualche problema con le dosi, dovremmo aspettare solo metà agosto per rendere la letalità del Covid simile a quella dell’influenza stagionale. Cambiando strategia, quindi dirottando le dosi di vaccino sulle categorie più fragili e i malati gravi, secondo il Corriere della Sera potremmo anticipare la data al 20 giugno, pur con solo il 50% di vaccinati tra aprile e giugno.

GUARDA ANCHE - Caos vaccini in Lombardia, la decisione di Fontana