Italia markets close in 3 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    19.527,57
    +153,36 (+0,79%)
     
  • Dow Jones

    28.195,42
    -410,89 (-1,44%)
     
  • Nasdaq

    11.478,88
    -192,67 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    40,98
    +0,15 (+0,37%)
     
  • BTC-EUR

    9.995,64
    +600,17 (+6,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    238,48
    +4,81 (+2,06%)
     
  • Oro

    1.908,00
    -3,70 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1815
    +0,0042 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    3.426,92
    -56,89 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.247,95
    +5,44 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,9125
    +0,0035 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0719
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5568
    +0,0051 (+0,33%)
     

Credit Suisse-Ubs, colloqui M&A a inizio anno, sostenuti dai due presidenti - stampa

·2 minuti per la lettura
Il logo della banca svizzera Credit Suisse visto a Zurigo, 22 giugno 2020
Il logo della banca svizzera Credit Suisse visto a Zurigo, 22 giugno 2020

ZURIGO (Reuters) - I presidenti di Ubs e Credit Suisse hanno sostenuto una fusione alla pari tra le due maggiori banche svizzere durante colloqui che si sono tenuti all'inizio di quest'anno.

Lo riferisce la rivista svizzera Bilanz, aggiungendo che i colloqui da allora sono rimasti fermi.

I dettagli riportati dal periodico finanziario suggeriscono che una fusione tra Credit Suisse e Ubs, esaminata negli ultimi mesi dallo staff che lavorava sotto il presidente di Ubs Axel Weber, è stata presa in considerazione più seriamente di quanto precedentemente noto, ricevendo il sostegno di entrambe le parti.

Nessun commento da Ubs. Credit Suisse non ha al momento risposto a una richiesta di commento.

Le due maggiori banche svizzere hanno tenuto colloqui su una possibile fusione nella prima metà dell'anno, ha scritto Bilanz, citando due fonti anonime coinvolte nelle discussioni.

Sebbene tenuta segreta, una fusione è stata presa seriamente in considerazione, ha detto una fonte a Bilanz, ricevendo l'appoggio sia del presidente di Ubs Axel Weber che del presidente di Credit Suisse Urs Rohner, che dovrebbe lasciare l'incarico nel 2021.

Tuttavia, le discussioni si sono interrotte dopo le vacanze estive, ha detto una fonte a Bilanz, a causa del calo del prezzo delle azioni di Credit Suisse che ha spinto le rispettive valutazioni delle banche oltre la soglia di fusione alla pari.

Reuters ha scritto la scorsa settimana che il consiglio di amministrazione di Ubs si è riunito per discutere la strategia della banca, ma la fusione con Credit Suisse non era nell'ordine del giorno ufficiale, suggerendo un raffreddamento dell'interesse per il progetto.

In occasione di una conferenza tenutasi ieri, i due amministratori delegati di Ubs e Credit Suisse hanno espresso l'aspettativa di un'accelerazione del consolidamento nel settore bancario europeo, con il Ceo di Ubs Sergio Ermotti che ha definito "inevitabili" altre operazioni.