Italia markets close in 3 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    22.665,56
    +14,78 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • Petrolio

    53,07
    -0,24 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    26.610,57
    -1.043,54 (-3,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    639,19
    -61,42 (-8,77%)
     
  • Oro

    1.870,60
    +4,10 (+0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,2152
    +0,0037 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.637,90
    +13,86 (+0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8849
    -0,0018 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0770
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5330
    +0,0040 (+0,26%)
     

Dollaro non lontano da minimo 7 settimane, investitori in attesa di nuovi stimoli

NEW YORK (Reuters) - Il dollaro scambia non lontano dal minimo di 7 settimane su un paniere di valute mentre le divise legate alle materie prime continuano ad apprezzarsi sulla scia dell'allentamento delle tensioni tra Usa e Cina.

** Il biglietto verde ha guadagnato circa il 6% da quando si sono riacuiti i timori di una guerra commerciale tra Usa e Cina con i mercati che scommettevano che la solidità dell'economia statunitense e la richiesta di beni rifugio avrebbero sostenuto il dollaro.

** Tuttavia negli ultimi giorni gli investitori stanno diventando via via più cauti nei confronti della divisa Usa dopo i recenti dati economici più deboli del previsto.

** Attorno alle 15, contro un paniere di divise il dollaro cede lo 0,02% a 94,620, non lontano dal minimo di 2 mesi di 94,308 raggiunto nella precedente seduta.

** "Si stanno aggiustando le posizioni e, a meno che non si vedano di nuovo quei fattori che hanno sostenuto il dollaro quest'anno, i mercati si stabilizzeranno su questi livelli", ha detto Jane Foley, senior strategist valutaria a Rabobank a Londra.

** Nonostante il clima di propensione per il rischio, l'euro fatica a restare oltre la soglia di 1,17 sul dollaro dopo l'aumento dei rendimenti dei titoli di Stato italiani legato alle preoccupazioni dei mercati per la trattativa sulla legge di Bilancio.

** Il clima di maggior propensione per il rischio sui mercati si deve alle contromosse adottate dalla Cina nei confronti degli Usa sul fronte commerciale, rivelatesi più morbide delle attese.