Italia markets close in 15 minutes
  • FTSE MIB

    23.884,80
    -251,76 (-1,04%)
     
  • Dow Jones

    31.432,84
    -447,40 (-1,40%)
     
  • Nasdaq

    11.130,44
    -404,83 (-3,51%)
     
  • Nikkei 225

    26.748,14
    -253,38 (-0,94%)
     
  • Petrolio

    110,65
    +0,36 (+0,33%)
     
  • BTC-EUR

    27.061,31
    -1.451,62 (-5,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    646,75
    -9,08 (-1,38%)
     
  • Oro

    1.864,30
    +16,50 (+0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0732
    +0,0036 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.883,49
    -90,26 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    20.112,10
    -357,96 (-1,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.650,83
    -57,56 (-1,55%)
     
  • EUR/GBP

    0,8569
    +0,0076 (+0,90%)
     
  • EUR/CHF

    1,0302
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,3789
    +0,0142 (+1,04%)
     

Eni aprirà conto in rubli per gas russo a meno di novità Ue - fonti

FILE PHOTO: The logo of Italian oil and gas group Eni is seen on the facade of its headquarters in Rome, Italy

di Stephen Jewkes e Giuseppe Fonte

MILANO (Reuters) - Eni avvierà la prossima settimana le procedure necessarie ad aprire un conto in rubli per pagare il gas russo, a meno che le autorità europee non chiariscano che ciò sia in contrasto con le sanzioni introdotte a seguito della guerra in Ucraina, secondo tre fonti vicine al dossier.

Il gruppo italiano ha preso tempo per valutare gli sviluppi della vicenda e si riserva di attendere fino all'ultimo, ma dovrà avviare le procedure la prossima settimana o rischierà di violare i contratti che regolano le forniture russe, ha detto una delle fonti. Il tempo stringe perché Eni è tenuta a regolare le forniture mensili di Gazprom intorno al 20 maggio.

Sia la società sia Palazzo Chigi non hanno commentato.

Il governo italiano ha ripetutamente sollecitato la Commissione europea a fornire indicazioni chiare sul nuovo sistema di pagamenti introdotto dal presidente russo Vladimir Putin lo scorso marzo.

Mosca chiede che gli acquirenti di gas russo depositino euro o dollari su un conto presso Gazprombank. La banca provvede quindi a convertirli in rubli e a depositare il ricavato su un altro conto di proprietà della società cliente. L'ultimo passaggio è il trasferimento della valuta russa a Gazprom.

L'11 maggio, parlando da Washington, il premier Mario Draghi si è detto fiducioso che la richiesta russa di pagare in rubli non comporti problemi in termini di interruzione delle forniture o di violazione del quadro sanzionatorio.

"Non c'è un pronunciamento ufficiale su cosa costituisca una violazione delle sanzioni. Nessuno ha mai chiarito se i pagamenti in rubli violino o meno le sanzioni, siamo in una zona grigia", ha detto Draghi.

(Giuseppe Fonte, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli